Come sbloccare canali Telegram bloccati su iPhone



iPhone blocca alcuni canali Telegram, ecco come rimediare.

Vi siete accorti che il vostro iPhone o iPad non vi permette più di accedere a determinati canali Telegram? In questo articolo vi mostreremo come sbloccare questi canali e tornare a consultarli normalmente.

Proprio così, alcuni canali Telegram vengono bloccati da Apple perchè non rispettano le norme sul copyright. Se il canale di vostro interesse risulta essere bloccato, presentando una scritta simile a “Questo canale non è disponibile a causa di violazioni di copyright” allora dovrete seguire i passaggi indicati in questo articolo per risolvere il problema.

Specifichiamo che il blocco imposto da Apple ad alcuni canali Telegram si estende a tutti i dispositivi Apple come iPhone, iPad, iPod, MacBook o iMac.



Per sbloccare i canali Telegram bloccati sui dispositivi iOS e MacOS ci sono due metodi, il primo metodo funziona con tutti i dispositivi Apple (come iPhone, iPad, iPod, MacBook e iMac), mentre il secondo metodo è solo per i dispositivi mobili (come iPhone, iPad e iPod). Qui sotto tutti i dettagli.

Metodo 1

  1. segnarsi il nome del canale bloccato (se un canale si chiama t.me/nome_canale allora segnarsi nome_canale);
  2. aprire il browser preferito: Safari, Chrome etc etc.;
  3. andare sul sito Telegram web;
  4. se richiesto, fare il login Telegram;
  5. digitare, nella barra di ricerca, il nome del canale che avete segnato;
  6. Fatto! Ora il canale risulta sbloccato.

Con questo metodo è possibile consultare il canale esclusivamente da Telegram Web.

Metodo 2

  1. aprire l’app Telegram;
  2. provare ad aprire il canale Telegram bloccato (fino a ricevere il messaggio di blocco);
  3. chiudere l’app Telegram;
  4. spegnere la connessione dati e WiFi (mettere la modalità aereo);
  5. aprire Telegram e andare sul canale che prima era bloccato (ora dovrebbe aprirsi);
  6. riattivare la connessione dati o il WiFi.

Questi passaggi andranno ripetuti ogni volta che vorrete consultare il canale “bloccato”.

Leggere anche:



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.