Come attivare la modalità notte su iPhone e iPad

Ecco come attivare la modalità notte (o dark mode) sul proprio dispositivo iOS

Con iOS 12 è stata perfezionata la modalità notte che permette di mostrare i vari menu con una tonalità di colore più scura. Ecco come attivare questa modalità sul proprio iPhone e iPad.

Leggi tutto “Come attivare la modalità notte su iPhone e iPad”

iOS 11 | Come far durare di più la batteria del proprio iPhone

Dopo l’aggiornamento, l’iPhone si scarica più in fretta? Niente paura, bastano pochi e semplici accorgimenti!

Con iOS 11, l’ultimo aggiornamento del sistema operativo pensato per gli iPhone e iPad, sono state introdotte tantissime nuove funzioni che rendono i dispositivi capaci di adempiere a sempre più funzioni e, per quell’utente su 4 che passa più di 7 ore incollato allo smartphone, sarà stata una vera gioia vedere il proprio iPhone aggiornarsi ed implementare sempre più funzioni.

leggere anche: tutte le novità di iOS 11

Ma tornando all’argomento di oggi, l’aggiornamento iOS 11 comporta anche ad un maggiore dispendio della batteria del dispositivo. Vogliamo così svelare qualche trucchetto che permette di risparmiare maggior batteria!

nota: l’articolo di oggi è incentrato su alcune impostazioni di iPhone che, se disabilitate o limitate, permettono di risparmiare batteria, rimangono comunque valide e sempre vivamente consigliate le accortezze che abbiamo indicato in alcuni dei nostri articoli precedenti:
batterie al litio | i consigli per aumentarne la durata
batterie al lito | come usarle correttamente per evitare danneggiamenti e prolungarne la vita

1) verificare il consumo di batteria delle app

Esiste una funzione molto utile che permette di capire come viene impiegato l’uso della batteria del proprio smartphone. Per scoprire come viene suddivisa la carica del proprio smartphone basta andare in impostazioni > batteria si aprirà così un prospetto dell’utilizzo della batteria diviso in 2 schede: ultime 24 ore e ultimi 4 giorni. In più, cliccando sull’icona a forma di orologio presente accanto alla scheda “ultimi 4 giorni” è possibile vedere per quanto tempo si sono impiegate quelle app, sia per il discorso delle ultime 24h che per quanto riguarda gli ultimi 4 giorni. Questa funzione permette di rendersi conto di quali app sono le maggiori imputate al dispendio della batteria, in modo tale da poterne limitare l’uso.

2) localizzazione

La localizzazione è un dato che possiamo decidere se fornire o meno alla diverse app (si parte da WhatsApp, per arrivare a Facebook ma anche al navigatore e giochi di diverso genere). La localizzazione consuma molta batteria, è quindi meglio rimettere mano alle impostazioni per rivedere che abbiano l’accesso alla nostra posizione solo le applicazioni che davvero troviamo utili alla causa; per farlo basta recarsi in

impostazioni > privacy > localizzazione

Qui compariranno una serie di app che richiedono la localizzazione, da qui è possibile rivederle tutte e decidere di non dare mail l’autorizzazione (cliccando su Mai), di dare il consenso solo se si apre l’app (cliccando su Se in uso) o concedere sempre l’autorizzazione (cliccando su Sempre).

3) Night Shift

Night Shift è la modalità “notte” di iOS, pensata per non stancare troppo gli occhi dopo un uso prolungato del dispositivo. La luce blu, emanata da tantissimi dispositivi (tablet, tv, smartphone etc..etc) compromette sia la saluta dei nostri occhi che il nostro sonno. Sull’argomento siamo tornati tante volte, rimandiamo quindi ai nostri articoli precedenti:

luce blu | cos’è e cosa comporta per i nostri occhi
youtube | come e perchè impostare il tema scuro
windows 10 | arriva la modalità notte
perchè sempre più servizi mettono a disposizione modalità e temi notte

Per quanto riguarda la Night Shift, permette di abbassare la luminosità del proprio schermo modificando automaticamente lo spettro dei colori dello schermo accentuandone le tonalità calde. Questa impostazione è programmabile e personalizzabile e incide positivamente non solo sui nostri occhi ma anche sul discorso della durata della batteria. Ricordiamo che, con il nuovo aggiornamento iOS 11, per attivare la Night Shift bisogna seguire pochi e semplici passi che però sono differenti dal “vecchio sistema”. Qui il nostro articolo dove spieghiamo, passo per passo, come fare per attivare la Night Shift su iOS 11.

4) Risparmio energetico

Questa funzione è nota a chiunque abbia un iPhone, non appena la batteria arriva al 20% compare un pop-up dove viene chiesto di attivarla. Forse non tutti sanno che questa impostazione, che permette di risparmiare batteria bloccando alcune funzionalità superflue e la funzione in backgound di alcune app, è attivabile in qualsiasi momento recandosi in

impostazioni > batteria > risparmio energetico

5) Mail

La ricezione delle mail può avvenire tramite due modalità: Push e Manuale. La prima definizione si riferisce al fatto che il proprio dispositivo cercherà (ad un intervallo scelto dall’utente) le mail richiamando il server, la seconda definizione si riferisce al fatto che è l’utente a decidere quando controllare l’arrivo di nuove mail. Sicuramente la prima opzione è la più comoda e la più utile, ma se si intende risparmiare batteria allora è meglio spostare la ricezione delle proprie mail su Manuale. Come fare? semplice

impostazioni > account e password > scarica nuovi dati > disattivare la voce Push.

In alternativa è possibile scegliere per ogni casella (se sul proprio dispositivo sono registrate più caselle) quale dovrà scaricare in automatico le nuove mail (opzione Scarica) e quale dovrà “attendere l’utente” (opzione manuale) .

leggere anche: iphone | impostare ricezione automatica mail ios

6) Blocco schermo

Se si tende a non bloccare lo schermo, questo rimarrà acceso per un lasso di tempo inutile, è meglio quindi attivare il blocco schermo automatico abbassando il tempo per il quale l’iPhone dovrà rimanere acceso, andando in

impostazioni > schermo e luminosità > blocco automatico e scegliendo dopo quanto tempo di inutilizzo lo schermo dovrà mettersi in blocco.

Per risparmiare batteria è meglio impostare 30 secondi.

7) App in Background

Anche se non in uso, molte applicazioni continuano a lavorare. Ad esempio, anche se WhatsApp non è “aperta” non vuol dire che sia disattivata, ne è la prova il fatto che riceviamo messaggi anche con l’app “chiusa”. WhatsApp richiede l’uso in background e “toglierle” questo permesso non è consigliato in quanto limiterebbe di molto l’app. Tante altre app, però, non vantano la stessa “utilità in background” per tutte queste app è possibile togliere il permesso di scaricare dati in automatico, anche se l’applicazione non è in uso. Per controllare e disattivare gli aggiornamenti delle app in background basta andare in

impostazioni > generali > aggiorna app in background e togliere la spunta alle app a cui si vuole togliere il permesso di aggiornamento.

8) Notifiche

Anche le notifiche “rubano” batteria, e siccome non tutte le app presenti sul proprio smartphone mandano notifiche di estrema utilità (es: tutte le app di giochi mandano notifiche di cui si può fare a meno) è possibile disattivarle andando in

impostazioni > notifiche e personalizzare la ricezione di notifiche.

YouTube | Come e perchè impostare il tema scuro

Youtube introduce la possibilità di impostare il tema scuro, in questo articolo vediamo come attivare questa funzione e perché.

Youtube è sempre al passo con i tempi ed è molto vicina alle esigenze dei suoi utenti, col tempo sempre più aggiornamenti sono andati a migliorare l’utilizzo di questo servizio. Ricordiamo un recente aggiornamento che prevedeva il miglioramento dei sottotitoli allargando la compatibilità anche agli effetti sonori.

Uno degli ultimi aggiornamenti del servizio riguarda l’estetica di Youtube, è stata infatti aggiunta la possibilità di attivare un tema scuro che, se attivato, cambia completamente lo sfondo rendendo grigio scuro…ma perchè è stata aggiunta questa opzione? a cosa serve? Per rispondere a questa domanda rimandiamo ad un nostro recente articolo dove parliamo del perchè sempre più servizi mettono a disposizione temi scuri e modalità notte, l’articolo in questione è questo:

leggere anche: perchè sempre più servizi mettono a disposizione temi scuri e modalità notte?

Come attivare il tema scuro su youtube

  1. aprire Youtube
  2. cliccare nel menù con i tre puntini verticali (in alto a destra)
  3. nella tendina che si aprirà, scegliere la voce “tema scuro” e attivarla
  4. FATTO!

nota: Se cliccando nel menù di Youtube non appare la voce tema scuro è perchè il browser non è compatibile, noi assicuriamo la completa compatibilità con Google Chrome e Opera. Per altri browser potrebbe essere necessario aspettare la compatibilità.

Perchè sempre più servizi mettono a disposizione temi scuri e modalità notte?

C’è chi le chiama “modalità notte” chi “tema scuro” e chi si sintetizza tutto nella parola “night”…

Sempre più servizi si stanno aggiornando alla “modalità notte” introducendo nelle app e programmi temi scuri o piccoli tasti che, se premuti, cambiano il volto estetico dell’intera schermata…

 

…e no, non è una moda. Queste nuove vesti e nuove impostazioni di luminosità hanno un obbiettivo ben preciso: diminuire la quantità di luce blu e l’affaticamento a cui vengono esposti gli occhi.

Ora, di luce blu ne abbiamo parlato molto approfonditamente in vari nostri articoli, quindi sintetizzeremo la definizione di luce blu in “luce artificiale a cui i nostri occhi non sono naturalmente abituati e che metterebbe i nostri occhi sotto sforzo

E invitiamo a leggere questo nostro articolo per saperne in maniera più approfondita dell’argomento: Luce Blu | cos’è e cosa comporta

Pubblicità in TV, nuovi temi per YouTube e Opera BrowserMa perché proprio ora tutta questa attenzione verso la cosiddetta luce blu? Semplice, ora più che mai passiamo moltissimo tempo durante la giornata con gli occhi fissi su tablet, pc, TV e soprattutto smartphone…tutto questo porta ad un gran stress visivo.

La minaccia maggiore sembra venire proprio dagli smartphone, tablet e pc…le TV non sembrano destare preoccupazione…ma perché? Basta pensare al nuovo modo di vedere i programmi (e le serie TV) preferite, tramite smartphone e tablet recandosi su una piattaforma come Netflix o Nowtv e scegliere il programma che più interessa… e fin qui qualcuno starà pensando “un’ora davanti alla TV o un’ora davanti al tablet non fa differenza”. Sbagliato.

Seppure lo schermo delle televisioni sia maggiormente più ampio, sono proprio i tablet, smartphone e pc che fanno il danno maggiore perché, prima di tutto, di fronte alla televisione siamo abituati a tenere la giusta distanza, cosa che con gli altri device non si fa, andando così a gravare sullo stress che l’occhio deve sopportare. In secondo luogo, un vizio molto diffuso è quello di tenere una postura sbagliatissima durante la visione dei film che costringe l’occhio ad affaticarsi durante la visione.

Ovviamente il nostro è solo esempio, facilmente aggirabile con poche e semplici accortezze ovvero tramite la giusta distanza dal dispositivo e adottando una posizione corretta, ma è bene sapere che è importante anche proteggere i propri occhi durante la giornata quando -per lavoro o per piacere- si passa molto tempo davanti ad un pc (o altro dispositivo simile).

Ecco di seguito una lista di servizi e programmi che mettono a disposizione la modalità notte/temi scuri:

Insomma, se si tende a passare molto tempo davanti a tablet, pc e smartphone è consigliabile attivare la modalità notte (ovviamente nei dispositivi che ne dispongono o tramite programmi o app) per evitare che l’occhio subisca grandi fonti di stress…in fondo basta semplicemente premere un bottone!

Per sapere altre accortezze e conoscere più nel dettaglio le impostazioni e precauzioni attuabili per ridurre notevolmente lo stress visivo consigliamo la lettura di questo articolo:

leggere anche: luce blu | accorgimenti e impostazioni da attivare

Leggi tutto “Perchè sempre più servizi mettono a disposizione temi scuri e modalità notte?”

Windows 10 | Arriva la modalità notte

La funzione anti luce blu è disponibile anche su Windows 10!

Con l’ultimo aggiornamento per Windows 10 (Creators Update) è stata integrata un’interessante funzione che permette di utilizzare il computer nelle ore più buie della giornata senza rischi causati dalla luce blu.

leggere anche: luce blu | cos’è e cosa comporta per i nostri occhi

Questa funzione è adatta soprattutto per le persone che soffrono di problemi del sonno perchè, come specificato in questo articolo, l’utilizzo del computer nelle ore in cui la luce del giorno è scarsa, può causare diversi problemi e influire nella qualità del sonno.

leggere anche: monitorare il proprio sonno

Come si attiva la modalità notte?

  • Per attivare la night mode, andare in Start > Impostazioni > Schermo 
  • Nella sezione Luminosità e colore si troverà l’interruttore luce notturna che attivandolo permetterà di eliminare la luce blu dalle ore 21 in poi.

È possibile modificare l’orario in cui automaticamente si attiverà questa funzione andando in Impostazioni luce notturna e attivando l’interruttore Pianifica luce notturna. Da qui sarà possibile modificare l’orario di attivazione della modalità notte.

Inoltre, sempre in Impostazioni luce notturna è possibile accendere o spegnere in modo immediato la modalità notte cliccando su Accendi ora o Spegni ora. È anche possibile regolare la temperatura della luce notturna spostando a destra o sinistra il cursore della temperatura.