App Store | I prezzi aumentano

Sull’App Store le app costeranno di più!

Proprio così, dalla prossima settimana Apple inizierà ad aumentare il prezzo minimo delle applicazioni. Si passerà dall’attuale 0.99€ a 1.09€. Saranno poi quelle da 1.99€ che aumenteranno il prezzo di vendita a 2.29€ e così via per tutte le altre fascie di prezzo, fino ad aumenti più considerevoli.

Si tratta del terzo aumento dei prezzi da parte della mela di Cupertino dalla nascita dell’App Store. Qualcosa di simile era già successo nel 2012 quando il prezzo base passò da 0.79€ a 0.89€, portato in un secondo momento a 0.99€ e adesso a 1.09€. Aumenta tutto, tranne i prezzi degli abbonamenti con il rinnovo automatico che, almeno per il momento, non dovrebbero subire modifiche.

La mossa di Apple arriva all’improvviso e gli aumenti inizieranno la prima settimana maggio. Ecco il testo integrale che Apple ha mandato agli sviluppatori: A causa delle variazioni dei tassi di cambio, i prezzi per le app e gli acquisti in-app – esclusi gli abbonamenti auto-rinnovabili – aumenteranno in Danimarca, in Messico e in tutti i territori che utilizzano la valuta Euro nei prossimi 7 giorni. I prezzi di abbonamento auto-rinnovabili non saranno influenzati. È possibile modificare il prezzo del tuo abbonamento in qualsiasi momento in iTunes Connect con l’opzione di mantenere i prezzi degli abbonati esistenti..

Un rincaro che arriva dopo pochi giorni dall’annuncio di Apple relativo all’abbassamento delle revenue (commissioni) dal 7% al 2.5% per i siti affiliati che presentano e promuovono le applicazioni iOS.

Mac | Le migliori cleaner app gratis

Recentemente abbiamo parlato dei migliori antivirus gratis per Mac e, come abbiamo già fatto per Windows, oggi parleremo delle migliori cleaner app per Mac OS.

Sì, perchè tenere il Mac sempre pulito e ordinato a volte può sembrare una cosa superflua ma, anche se il famoso computer con la mela non si ferma mai, potrebbe aver bisogno di una pulitina ogni tanto!

leggere anche: antivirus | i migliori antivirus gratis per Mac

In questo articolo vogliamo segnalare le migliori cleaner app gratuite per Mac:

Dr. Cleaner – cleaner app leggerissima e semplicissima (forse troppo) della casa giapponese TrendMicro (famosa per il suo antivirus). Esatto, questa app, come già detto, è veramente facilissima da usare e leggerissima, infatti è adatta a chi vuole solo dare una “spolverata” ai file temporanei e quindi ai file “più superficiali” del proprio Mac. Consigliata per i meno esperti ma non adatta per le pulizie più profonde.

AVG Cleaner for Mac – cleaner app dell’olandese AVG famosa per il suo antivirus disponibile per Mac e Windows. App ben fatta che permette anche ai meno esperti una pulizia abbastanza profonda del proprio Mac. Interfaccia moderna e semplice da usare. Consigliata a esperti e non, permette di fare pulizie abbastanza profonde e permette inoltre di eliminare file duplicati.

CCleaner for Mac – cleaner app della Piriform, il nome (CCleaner) non ha bisigno di presentazioni, l’app più usata al mondo per pulire computer Windows. Adesso disponibile anche per Mac, assicura pulizie profonde a principianti ed esperti. Consigliata ai più esperti ma anche ai principianti che vogliono provare a pulire in modo profondo il proprio Mac.

360 Total Security for Mac – ultima app che proponiamo è della cinese QiHoo che, offre molto più di un semplice cleaner ma una suite completa per proteggere e tenere snello il Mac. Infatti oltre ad una protezione completa, leggera e potente, offre un utile cleaner che, in modo semplice e veloce, permetterà di ripulire completamente il dispositivo Mac da file inutili, duplicati e app non più desiderate. Consigliata a esperti e non, ideale per chi non dispone di antivirus e vuole un’app sole per proteggere e pulire il proprio Mac.

Mac OS | Inizializzare e formattare hard disk esterno

Un hard disk esterno potrebbe non essere subito compatibile con un Mac, in quanto la maggior parte degli hard disk esterni vengono rilasciati con formattazione per sistemi Windows.

L’hard disk esterno acquistato presenta un’incompatibilità con il Mac? Nessun problema! In pochi semplici passaggi si potrà inizializzare un hard disk in modo da renderlo pienamente compatibile con i dispositivi Mac.

  • Per prima cosa, collegare l’hard disk esterno al dispositivo Mac
  • Aprire Utility Disk (già preinstallata su Mac OS)
  • Selezionare l’hard disk esterno nella sezione laterale
  • Fare click su Inizializza 
  • Fai click sul menu a comparsa Formato, quindi scegliere un formato volume (scegliere Mac OS esteso journaled)
  • Inserire un nome per il disco
  • Fare click su Inizializza e poi su Fine.
  • Fatto!

 

Mac OS | Le scorciatoie da tastiera

Di seguito una lista delle scorciatoie da tastiera del sistema operativo Mac Os!

Cmd+X
Taglia: consente di rimuovere l’elemento selezionato e di copiarlo negli Appunti.

Cmd+C
Copia: permette di copiare l’elemento selezionato negli Appunti e funziona anche per i file nel Finder.

Cmd+V
Incolla: consente di incollare i contenuti degli Appunti nel documento o nell’app corrente e funziona anche per i file nel Finder.

Cmd+Z
Annulla: permette di annullare il comando precedente. Per eseguire di nuovo il comando annullato, è possibile premere Comando-Maiuscole-Z (Ripristina). In alcune app puoi annullare e ripristinare comandi multipli.

Cmd+A
Seleziona tutto: consente di selezionare tutti gli elementi.

Cmd+F
Cerca: permette di aprire una finestra Cerca o di cercare gli elementi in un documento.

Cmd+G
Cerca di nuovo: consente di cercare l’occorrenza successiva dell’elemento cercato in precedenza. Per cercare l’occorrenza precedente, premi Comando-Maiuscole-G.

Cmd+H
Nascondi: permette di nascondere le finestre dell’app in primo piano. Per visualizzare l’app in primo piano, ma nascondere tutte le altre app, premi Comando-Opzione-H.

Cmd+M
Contrai: consente di ridurre a icona la finestra in primo piano sul Dock. Per ridurre a icona tutte le finestre dell’app in primo piano, premi Comando-Opzione-M.

Cmd+N
Nuovo: permette di aprire un nuovo documento o una nuova finestra.

Cmd+O
Apri: consente di aprire l’elemento selezionato o una finestra di dialogo per selezionare un file da aprire.

Cmd+P
Stampa: permette di stampare il documento corrente.

Cmd+S
Salva: consente di salvare il documento corrente.

Cmd+W
Chiudi: permette di chiudere la finestra in primo piano. Per chiudere tutte le finestre dell’app, premi Comando-Opzione-W.

Cmd+Q
Esci: consente di uscire dall’app.

Opzione+Cmd+Esc
Uscita forzata: permette di scegliere un’app e di forzarne la chiusura. In alternativa tieni premuti Comando-Maiuscole-Opzione-Esc per 3 secondi per forzare la chiusura solo dell’app in primo piano.

Cmd+Barra spaziatrice
Spotlight: consente di mostrare o nascondere il campo di ricerca Spotlight. Per eseguire una ricerca Spotlight da una finestra del Finder, premi Comando-Opzione-Barra spaziatrice. Se usi più sorgenti di input per scrivere in altre lingue, queste abbreviazioni consentono di cambiare sorgente di input anziché visualizzare Spotlight.

Barra spaziatrice
Visualizzazione rapida: permette di usare Visualizzazione rapida per eseguire l’anteprima dell’elemento selezionato.

Cmd+Tab
Cambia app: consente di passare all’app successiva più usata di recente tra le app aperte.

Maiuscole+Cmd+Tilde (~)
Cambia finestre: permette di passare alla finestra successiva più usata di recente dell’app in primo piano.

Maiuscole+Cmd+3
Istantanea schermo: consente di acquisire un’istantanea dell’intera schermata. Scopri altre abbreviazioni per l’acquisizione di istantanee.

Cmd+Virgola (,)
Preferenze: permette di aprire le preferenze dell’app in primo piano.

leggere anche: scorciatoie da tastiera Windows 10

Chrome 55 | Addio Flash, benvenuto HTML5!

Disponibile da oggi per Windows, Mac e Linux l’aggiornamento di Google Chrome che guarda al futuro, abbandonando Flash e accogliendo Html5.

Come Google stesso chiarisce, la tecnologia Flash ha giocato un ruolo importantissimo per la diffusione di video e animazioni presenti sul Web ma è tempo di lasciare spazio a delle nuove tecnologie come HTML5 che apportano maggiori vantaggi rispetto al passato tra cui maggiore sicurezza e maggiore velocità di caricamento dei siti e in generale, nei siti realizzati in HTML5, l’esperienza di navigazione risulta fluida e senza attese

L’aggiornamento approdato oggi sui dispositivi Desktop è il Chrome 55 e sembra avvicinarsi ancora di più all’era HTML5. L’avvicinamento a questa nuova tecnologia sta avvenendo sempre più graduale, lasciando spazio e tempo a tutti gli inserzionisti del Web per compiere questo grande passo verso HTML5. L’obbiettivo è sempre quello: migliorare l’esperienza di navigazione e rendere i siti più sicuri e aperti a tutti, su un numero di dispositivi destinato a crescere.

COME AGGIORNARE IL BROWSER A CHROME 55

Ricordiamo che l’update è disponibile attualmente per i seguenti sistemi operativi: Windows, macOS e Linux. L’aggiornamento avverrà – per chi ha già il browser installato – in modo automatico al riavvio del dispositivo. E’ anche possibile aggiornare manualmente Chrome seguendo questi passaggi:

  • aprire Chrome
  • andare in alto a destra e cliccare sul menù rappresentato da 3 puntini verticali
  • selezionare la voce Guida
  • cliccare su Informazioni su Google Chrome
  • il browser da questo momento cercherà e installerà l’aggiornamento a Chrome 55

COME FARE SE IL PROPRIO SITO E’ IN FLASH

Semplice…bisogna passare all’utilizzo di HTML5, rivolgersi quindi al proprio webmaster chiedendo di aggiornare il sito secondo gli standard attuali del web. Non è da considerare l’idea di “resistere” e lasciare il proprio sito in Flash: già con il nuovo aggiornamento Chrome mostrerà un avviso che chiede all’utente di consentire l’esecuzione di Flash, il prossimo passo sarà il mancato supporto e quindi gli elementi in flash non verranno più visualizzati.

Sono esentati da questa dinamica: YouTube.com, Facebook.com, Yahoo.com, VK.com, Live.com, Yandex.ru, OK.ru, Twitch.tv, Amazon.com e Mail.ru.