Google Chrome 69, arriva il nuovo aggiornamento

Google Chrome compie 10 anni e per l’occasione viene rilasciato un importante aggiornamento

La nuova versione di cui parliamo è la 69 e, tra le tante novità, ne spicca una su tutte: la nuova veste grafica del famosissimo browser di Google.

Leggi tutto “Google Chrome 69, arriva il nuovo aggiornamento”

Come disinstallare o disattivare estensioni Chrome

Le estensioni (o plug-in) permettono di aggiungere funzioni nuove al browser.

Google Chrome è un ottimo browser, uno tra i suoi principali punti di forza è proprio la possibilità di poterci installare plug-in o estensioni che permetteranno di aggiungere ottime e nuove funzioni al browser. Così Google Chrome non sarà più un semplice browser, ma ‘qualcosa di più’. Se per sbaglio si installa un’estensione non efficiente o se ci si rende conto di aver appesantito troppo Chrome con un numero esagerato di estensioni, è possibile cancellarle o disattivare con pochi e semplici gesti.

Leggi tutto “Come disinstallare o disattivare estensioni Chrome”

Perché scegliere Chrome come browser? Ecco 10 buoni motivi

Perché scegliere il browser di Google

Dopo aver scritto l’articolo “10 buoni motivi per scegliere Opera” ci siamo resi conto che questo discorso poteva essere applicato a tanti altri browser. Infatti, di browser ne esistono molti e tutti hanno dei grandissimi pregi. Conoscere i punti di forza dei vari browser permette di effettuare una scelta consapevole. Iniziamo subito con i buoni motivi per fare di Chrome il proprio browser!

Leggi tutto “Perché scegliere Chrome come browser? Ecco 10 buoni motivi”

Come silenziare alcune pagine web su Chrome (no estensioni)

Addio pagine web che iniziano a “parlare” o “suonare” senza preavviso!

Vogliamo segnalare una nuova funzione appena approdata su Google Chrome: la possibilità di silenziare alcune pagine web senza il bisogno di nessuna estensione, semplicemente con un click…anzi, due.

Leggi tutto “Come silenziare alcune pagine web su Chrome (no estensioni)”

Come sospendere le schede inutilizzate in Chrome

Google Chrome occupa troppa memoria RAM? Esiste un rimedio!

Molte volte si riscontra un rallentamento al computer che poi scompare magicamente quando viene chiuso Google Chrome, non bisogna preoccuparsi…è normalissimo!

Leggi tutto “Come sospendere le schede inutilizzate in Chrome”

Google Chrome integra l’AdBlock

Con un recente aggiornamento, Google Chrome ha implementato la funzione di AdBlocker

Ne avevamo già parlato ad Agosto dell’anno scorso in questo nostro articolo, ed ora la funzione di blocco pubblicitario è sbarcato sul famoso browser di Google. Sembrerà controproducente, data la posizione dominante di Google nel mercato della pubblicità online, eppure è vero: Chrome ora presenta un suo adblocker. Non è un’estensione esterna, come quelle che già da tempo si potevano installare, ma una funzionalità di serie.

Leggi tutto “Google Chrome integra l’AdBlock”

Chrome | da Luglio i siti con HTTP saranno “non sicuri”

In arrivo a Luglio Chrome 68, che segnalerà come non sicuri i siti HTTP

Guardando in alto, sul proprio browser, prima dell’indirizzo della pagina, si può trovare un lucchetto o una “i”. Se ci si trova davanti al lucchetto chiuso di colore verde, con riportata la scritta “sicuro”, allora si ha una garanzia: il sito è sicuro e segue il protocollo HTTPS (Hypertext Transfer Protocol Secure) che attraverso la crittografia, l’integrità dei dati e l’autenticazione, protegge l’utente e tutti i suoi dati. Mentre, se ci si trova davanti ad una “i” cerchiata di color grigio, il sito non segue un protocollo criptato. A partire da Luglio, accanto alla “i” cerchiata comparirà la scritta “non sicuro”.

Uploaded Picture

Vedendo come gli sviluppatori hanno reagito positivamente e tempestivamente al passaggio definitivo tra Flash a HTML5, si prospetta che quest’ultima spinta verso il HTTPS venga accolta altrettanto bene e celermente. Questo passaggio ovviamente non trova impreparati gli sviluppatori, infatti, come lo stesso Google fa sapere, nel 2017, 81 dei 100 siti più visitati al mondo si presentavano già in HTTPS.

Costi e tempi

Per tutti coloro che devono ancora aderire all’HTTPS, Google mette a disposizione diversi strumenti utili alla causa. Rimane certo che il proprio webmaster riuscirà a trasportarvi il sito in HTTPS, i costi per questa operazione variano molto, da 50€ fino anche a 100€. Se non avete nessuno che vi gestisce il sito o se vi sembra eccessivo il costo richiesto dal vostro webmaster, è possibile richiedere un preventivo presso alcuni servizi che si occupano di trasportare siti da HTTP a HTTPS. Il tempo medio di un passaggio è di circa 12 ore, ma questo dipende da quando viene inviata la richiesta di certificazione.

Specifichiamo che non solo Google Chrome rileva come “non sicuri” i siti in HTTP, è per questo che è molto importante adeguarsi agli standard il prima possibile.

Chrome | L’AdBlocker sarà integrato

Una versione beta del browser di Google introduce una funzione per il blocco delle pubblicità fastidiose!

Sembrerà controproducente, data la posizione dominante di Google nel mercato della pubblicità online, eppure è vero: anche Chrome presto avrà un suo adblocker. Non sarà un’estensione esterna, come quelle che già oggi si possono installare, ma una funzionalità di serie.

Leggere anche: chrome | installare plug-in di opera

opera | installare plug-in di chrome

Noi abbiamo già parlato di cosa pensiamo delle pubblicità online e degli adblocker in questo articolo dove presentiamo un popup blocker.

Il sistema di blocco delle pubblicità è stato già implementato su Canary per Android, una versione beta del browser destinata agli sviluppatori in cui Google sperimenta funzioni nuove che arriveranno in futuro su Chrome.
L’adblocker implementato dall’azienda si differenzia dalle tradizionali estensioni perchè è ottimizzato per bloccare solo alcune pubblicità, quelle ritenute eccessivamente invadenti o “offensive” secondo i parametri indicati dalla “Coalition for Better Ads”, un consorzio di settore di cui Google fa parte. La definizione include i popup -che già si possono bloccare su Chrome- e quei banner che coprono il contenuto di una pagina e si possono chiudere solo dopo alcuni secondi.

La funzionalità sperimentale potrebbe arrivare su Chrome in via definitiva nel 2018, in modo da dare tempo agli inserzionisti di rivedere i propri contenuti pubblicitari e renderli conformi alle nuove regole imposte dalla Coalition. Chi volesse già provare l’adblocker può farlo scaricando Chrome Canary per Android dal Play Store.

La direzione verso cui si muove Google è la stessa seguita già da qualche tempo da Opera. Il browser dell’azienda norvegese (ma di proprietà di una holding cinese) sta provando a differenziare la propria offerta per guadagnare terreno in un settore dominato dal browser di Google e da Safari (Apple). Le versioni più recenti di Opera includono inoltre una sidebar da cui si può accedere ai principali servizi di messaggistica, come Whatsapp o Facebook Messenger.

Leggere anche: battaglie | google chrome o opera?

poper blocker | addio pubblicità invadenti

Chrome | Cosa fare se il browser di Google è troppo lento

Come abbiamo già sottolineato più volte, Chrome è il browser più utilizzato al mondo e, se a volte perde colpi, non è detto che sia arrivato il momento di cambiarlo. Alcune volte Chrome appare lento se non addirittura bloccato, ci sono però alcuni accorgimenti che chiunque può mettere in pratica per migliorare l’efficienza di Google Chrome.

Ecco quindi alcuni accorgimenti -divisi in punti- per assicurarsi il corretto funzionamento di Google Chrome:

  • Aggiornare il browser
    La prima cosa da fare è verificare la versione in uso di Chrome. Per farlo basta digitare chrome://help/ nella barra di ricerca e si verrà indirizzati all’apposita pagina del browser. In questo modo si vedrà una voce che ci indica la versione usata, e sarà possibile aggiornare il browser. Se non lo si ha bloccato in precedenza, l’aggiornamento avverrà in automatico e si dovrà solo riavviare il browser per avere l’ultima versione a disposizione. Capire che Chrome è aggiornato è facilissimo basta guardare la voce Google Chrome è aggiornato, che appare sotto la descrizione della versione usata.
  • Verificare le estensioni (plug-in)
    Più estensioni e più schede si utilizzano e maggiori saranno i consumi di Chrome sulla batteria e sulle prestazioni del dispositivo. Prima di prendere una scelta drastica e chiudere tutte le schede aperte, controllare attraverso il task manager integrato nell browser quali schede consumano più CPU e RAM. Trovare il Task Manager è semplicissimo, aprire il menu (ovvero l’icona a tre puntini verticali in alto a destra), selezionare la voce Altri Strumenti e infine cliccare su Task Manager. Per fermare le schede e le estensioni che consumano di più basterà cliccare su termina processo.
  • Accelerazione hardware
    Tra le impostazioni di Chrome si trova anche la funzione per l’accelerazione dell’hardware, che permette di migliorare le prestazioni del browser di Google. Per alcuni esperti, però, questa funzione in realtà non aiuta ma anzi diminuisce le prestazioni e aumenta il consumo, mentre per altri è molto utile. L’unico metodo per scoprirlo è testarla sul proprio computer. Farlo è molto semplice, aprire il menu (ovvero l’icona a tre puntini verticali in alto a destra) e andare alla voce Impostazioni. A questo punto scorrere la pagina che si aprirà e andare all’ultima voce presente: Mostra Impostazioni avanzate. Ora si vedrà la voce Usa accelerazione hardware quando disponibile, attarla premendo sulla spunta. A questo punto bisognerà riavviare il browser per rendere effettive le modifiche.
  • Reset
    Se le tecniche illustrate in precedenza non hanno aiutato nel migliorare le prestazioni e i consumi del browser allora si potrà pensare di effettuare un Reset. Il bottone per il reset si trova in Impostazioni avanzate esattamente sotto la voce per l’accelerazione dell’hardware. Per svolgere l’operazione basta cliccare su Ripristino delle Impostazioni, e poi su Ripristina per confermare l’azione.

leggere anche: connessione lenta tutte le possibile cause e i rimedi

dns | cosa sono e come cambiarli per velocizzare la connessione internet

navigare sul web | come rendere sicura la navigazione per i bambini

chrome | come riavviare il browser in un secondo

browser | la scelta del browser

battaglie | google chrome o opera ?

Google Chrome | Come impostare la pagina iniziale

Google Chrome, come impostare la pagina iniziale nel browser più utilizzato al mondo!

Per molti è una banalità, per altri è “scontato” avere Google in Home page ma può succedere -in genere a seguito di un’istallazione di un programma- che si presenti una nuova pagina iniziale…ecco come cambiarla per mettere (o rimettere) quella che più si preferisce!!

Come impostare la pagina iniziale su Google Chrome:

  1. Andare nel menù (i tre puntini verticali in alto a destra).
  2. Scegliere Impostazioni.
  3. Nella sezione Aspetto è possibile impostare la pagina iniziale.
    Uploaded Picture

È possibile impostare la pagina iniziale che si desidera: google.it, boing.it, yahoo.it, etc..etc…

FATTO!