Immuni, un problema su alcuni Android impedisce le verifiche di esposizione

   

Un fastidioso bug affligge Immuni per Android: su alcuni smartphone – e per alcune versioni di Android – i controlli di esposizione non funzionano regolarmente.

Come ormai è ben noto, Immuni funziona in automatico andando a verificare ogni giorno (anche più volte al giorno) se si è entrati in contatto con un utente positivo al coronavirus e avvisando di questa eventualità tramite una notifica. È dunque fondamentale che l’app effettui questi controlli giornalieri.

Come riportato da Repubblica e confermato successivamente dal Governo, su alcuni smartphone Android questi controlli di esposizione stanno riscontrando qualche problema e risultano fermi. In alcuni casi, sempre stando a quanto riportato dal quotidiano, le verifiche di esposizione sono rimaste ferme per ben 11 giorni.

   

Questo problema è piuttosto grave e impedisce all’applicazione di funzionare correttamente, rendendola di fatto poco efficace e utile. Presto, però, è in arrivo un aggiornamento che promette di risolvere questo bug e di riportare l’applicazione al suo normale funzionamento.

Come controllare se si è colpiti dal bug

Non è stata rilasciata una lista di smartphone o di versioni di Android in cui il bug si manifesta. È possibile però effettuare un controllo sul proprio smartphone per accertarsi che tutto stia procedendo nel verso giusto.

Prendete il vostro smartphone, aprite le impostazioni, cliccate su Google e successivamente su Notifiche di esposizione al COVID-19.

Qui troverete l’elenco di tutti i controlli che l’app ha effettuato per vostro conto: se i controlli sono quotidiani, l’app sta funzionando a pieno regime. Se invece i controlli sono fermi da qualche tempo, il vostro smartphone è tra quelli colpiti dal problema.

   

Qui un approfondimento su come verificare su iOS e Android quando è stato effettuato l’ultimo controllo di esposizione.

Vi ricordiamo che al momento non esiste una soluzione a questo problema, bisognerà aspettare l’aggiornamento risolutivo che verrà rilasciato come di consueto tramite il Google Play Store.

Seguiteci su Google News, su Telegram, su Facebook o su Twitter per non perdervi nessuna novità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.