Huawei pronta a dire addio ad Android: nel 2021 arriva HarmonyOS

   

HarmonyOS è in arrivo sugli smartphone Huawei nel 2021. L’annuncio ufficiale è arrivato nei giorni scorsi durante la Huawei Developer Conference (HDC 2020).

Huawei dice addio ad Android: arriva HarmonyOS 2.0

Durante la conferenza degli sviluppatori, Yu Chengdong, CEO della divisione prodotti di consumo della società cinese, ha dichiarato che a partire da Dicembre verrà reso disponibile il codice sorgente per permettere agli sviluppatori di realizzare applicazioni per smartphone compatibili con HarmonyOS.

Questo permetterà all’azienda di lanciare nel 2021 il proprio sistema operativo anche sugli smartphone Huawei. HarmonyOS è già di fatto disponibile e presente in diversi gadget e smart tv dell’azienda di Shenzhen ma solo nel 2021 assisteremo alla svolta totale con la presentazione dei suoi smartphone senza Android (e Google) e con HarmonyOS 2.0.

   

Quando arrivano gli smartphone Huawei con HarmonyOS

Non è stata fissata una data precisa per l’arrivo del nuovo sistema operativo. Tutto quello che è noto è che il 2021 sarà l’anno in cui arriverà il primo smartphone con HarmonyOS 2.0 e senza Android. Sarà fondamentale anche il lavoro degli sviluppatori che da Dicembre 2020 inizieranno a ricevere il codice sorgente e tutto ciò che è necessario per la creazione delle app per smartphone.

Molto probabilmente inizieremo a vedere i primi smartphone HarmonyOS a metà 2021.

Cosa succederà agli smartphone Huawei?

L’azienda cinese ha dichiarato in questo ore che gli smartphone gli smartphone aggiornabili a EMUI 11 potranno aggiornarsi ad HarmonyOS 2.0 . Questo annuncio ha scatenato i dubbi e le domande degli utenti: tutti gli smartphone compatibili dovranno passare ad HarmonyOS o solo quelli lanciati nel 2021? Il passaggio ad HarmonyOS sarà obbligatorio?

Non è attualmente possibile sapere quali smartphone Huawei continueranno a ricevere gli aggiornamenti Android anche dopo l’arrivo di HarmonyOS e se il passaggio al nuovo sistema operativo sarà obbligatorio o facoltativo, bisognerà attendere l’arrivo di notizie ufficiali al riguardo.

   
Seguiteci su Google News, su Telegram, su Facebook o su Twitter per non perdervi nessuna novità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.