Apple MacBook “Non in carica”, cosa vuol dire

   

I MacBook di nuova generazione ed aggiornati a Catalina 10.15.5 e successivi presentano spesso la curiosa dicitura “Non in carica” proprio quando il computer è collegato alla corrente tramite l’alimentatore. Apple, tramite una nota ufficiale, ha finalmente fatto chiarezza sul significato di questa dicitura.

MacBook “non in carica”, c’è qualche problema con la batteria? La risposta di Apple.

Non temete, il vostro computer Apple non ha assolutamente niente che non vada. La scritta “non in carica” quando il computer è sotto carica può spaventare ma non è un problema della batteria o dell’alimentatore.

Come la stessa Apple ha precisato, la scritta “Non in carica” può comparire nei più recenti MacBook che dispongono di porte Thunderbolt 3 e aggiornati ad almeno macOS Catalina 10.15.5. Questi computer, infatti, dispongono di una funzione di gestione dello stato della batteria.

   

L’opzione dedicata alla gestione dello stato della batteria è pensata per preservare e allungare la vita della batteria dei portati Apple e per farlo necessità, di tanto in tanto, di interrompere la carica ai fini della calibrazione della batteria del portatile.

A seconda delle impostazioni, il Mac potrebbe temporaneamente interrompere la ricarica per aiutare a calibrare la gestione della salute della batteria, una funzionalità progettata per migliorare la durata della batteria.

Apple, nel documento ufficiale consultabile a questo indirizzo, rassicura gli utenti che visualizzano l’avviso “Non in carica” sul proprio MacBook affermando che questa è solo una normale funzionalità del Mac e che la ricarica completa riprenderà in base alle abitudini di utilizzo.

Seguiteci su Telegram, su Facebook o su Twitter per rimanere aggiornati con news, guide ed info sul mondo Apple.

   
Seguiteci su Google News, su Telegram, su Facebook o su Twitter per non perdervi nessuna novità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.