Huawei si prepara a lanciare il suo sistema operativo



Revocata la licenza Android, per Huawei è giunto il momento di crearsi un proprio OS.

Huawei non si dà per vinta e risponde al ban imposto dal governo statunitense accelerando la realizzazione del proprio Sistema operativo (basato probabilmente su Android Open Source).

Come anticipato in un nostro precedente articolo, Huawei non si è fatta cogliere del tutto impreparata alla revoca della licenza ufficiale Android e, infatti, già da diverso tempo è alle prese con la creazione di un proprio sistema operativo: HongMeng OS che potrebbe fare il suo debutto sugli smartphone Huawei già a fine 2019.

A confermare quello che ormai era nell’aria da un po’ di giorni è proprio il vice presidente delle operazioni in Europa occidentale di Huawei.



HongMeng OS, il nuovo sistema operativo Huawei che potrebbe debuttare con un nome diverso nel mercato occidentale, non avrà di certo vita facile: attualmente il bacino di App presente sul Google Play Store si aggiorna intorno ai 3,5 milioni di applicazioni e riuscire ad avvicinarsi a questo numero non è cosa da poco. Proprio per questo si parla anche di una possibile compatibilità con le app Android.

Anche se questa compatibilità dovesse aver luogo, rimane un altro problema da risolvere: non tutti gli sviluppatori potranno realizzare app ufficiali per Huawei. Questo vuol dire niente Facebook, Messenger, WhatsApp, Instagram, Pinterest, Twitter e tantissime altre applicazioni sugli smartphone Huawei di futura generazione. Ad oggi, la mancanza di queste app rendono lo smartphone praticamente inutile.

Se siete degli user Huawei preoccupati che il vostro smartphone smetta di funzionare da un momento all’altro, state tranquilli. Per gli smartphone Huawei già presenti sul mercato le conseguenze del ban saranno meno pesanti, in questo articolo maggiori dettagli.

Se la vicenda USA contro Huawei vi interessa, rimanete aggiornati con il nostro blog attivando le notifiche o iscrivendovi al nostro canale Telegram.




Il nostro articolo termina qui. Se non volete perdere nessuna novità, iniziate ad attivare le notifiche con il nostro blog, unitevi al nostro Canale Telegram e seguiteci sulla nostra pagina Facebook o Twitter per rimanere aggiornati con tutti i nuovi articoli. Se avete un dubbio o problema, scriveteci qui.