Centro di controllo iPad: significato delle icone

Con iOS 11 è cambiato totalmente il centro di controllo di iPhone e iPad, in questo articolo vediamo il significato delle icone e come utilizzarle al meglio.

Il centro di controllo permette di svolgere tante azioni comodamente, senza doverle cercare sbirciando nelle impostazioni o nelle app. Con iOS 11 il centro di controllo è diventato ancora più semplice da usare e ancora più personalizzabile grazie alla possibilità di poter inserire nuove icone-scorciatoia!

Leggi tutto “Centro di controllo iPad: significato delle icone”

iOS 11 | 200.000 app iniziano a tremare

iOs 11, previsto per Giugno, potrebbe rendere obsolete -ed eliminare- oltre 200.000 app.

Il nuovo sistema operativo debutterà a Giugno e sarà reso disponibile per tutti i dispositivi solo in autunno. In questa nuova release è previsto anche un cambiamento che coinvolgerà le applicazioni: verranno rese obsolete ed eliminate tutte le applicazioni che non supporteranno un’architettura a 64bit.

Iniziano così a tremare circa 200.000 (e forse più) applicazioni che, nonostante i precedenti avvisi da parte di Cupertino, non hanno aggiornato il supporto per un’architettura a 64bit. Non si può parlare di gravi perdite per l’App Store in quanto la maggior parte di queste applicazioni sono state completamente abbandonate dagli sviluppatori e quindi questa “pulizia” potrebbe solo giovare allo store.

Perchè le applicazioni dovrebbero espandere il supporto anche ad un’architettura a 64bit?

Semplice, le applicazioni presenti sullo store dovrebbero funzionare nella maniera più ottimale e stare al passo con i nuovi dispositivi rilasciati da Apple. L’architettura a 32bit è adatta solo ai primi device rilasciati da Cupertino ed è quindi inadatta per tutti i dispositivi realizzati dal 2013 in poi (come 5S, 6, 6plus e successivi).

E per gli utenti che possiedono un “vecchio device” apple?

Apple non ha chiesto alle applicazioni in 32bit di convertirsi ai 64bit ma di estendere il supporto anche ai 64bit a tutte le app che supportano solamente un’architettura a 32bit. Quindi per chi possiede un dispositivo antecedente al 2013 non ci sarà da preoccuparsi: se gli sviluppatori delle applicazioni a 32bit rilasceranno una doppia compatibilità, le applicazioni continueranno ad esistere.