WhatsApp | Sono tornati gli stati classici

Con l’ultimo aggiornamento sono tornati gli stati classici

Avevamo già annunciato il ritorno sui propri passi da parte di WhatsApp che, a seguito di diverse lamentele, è stata costretta a ripristinare i classici stati ovvero la possibilità di esprime attraverso una frase personalizzata o di default (al cinema, occupato…) la propria disponibilità. Gli stati classici erano stati eliminati con l’arrivo delle “storie” su WhatsApp che permettevano di creare stati personalizzati con foto e video che scomparivano dopo 24h.

leggere anche: WhatsApp | in arrivo le pubblicità nelle chat

Come avevamo anticipato i primi a veder tornare il tanto atteso stato classico sono stati gli utenti Android a seguire, a distanza di poco, gli utenti iOS.

Gli Stati classici sono stati ripristinati sì, ma con un nome diverso ovvero “info”

Come impostare uno stato classico (info) su Android

Aprire l’app e cliccare su menu > impostazioni > toccare sul proprio nome > info

Come impostare uno stato classico (info) su iOS

Aprire l’app e cliccare su impostazioni (in basso a destra) > toccare sul proprio nome > info

USBKILL | Distrugge ogni computer

Proprio così! Basta una chiavetta USB – opportunamente modificata – per bruciare i circuiti interni dei dispositivi elettronici e renderli inservibili.

Sembra impossibile ma è così, esiste una chiavetta “assassina” capace di distruggere tutti i computer…e non esiste formattazione che possa salvarli. Al riparo -per ora- sembrano essere solo i computer Apple di ultima generazione.

Con precisione, la chiavetta si chiama USBkill, ha fatto la sua prima apparizione nel 2015 e oggi è arrivata alla sua terza “versione”. Ma in cosa si differenzia questa chiavetta rispetto a una normale? Per prima cosa, non ha memoria Flash e non può essere utilizzata per archiviare dati. Al posto dei moduli di memoria ci sono dei condensatori pronti a scaricare l’energia accumulata nei circuiti del dispositivo connesso e bruciarli. Nel senso letterale della parola. In questo modo il computer sarà inservibile, dal momento che i collegamenti tra CPU, RAM e altre componenti interne saranno saltati. In poche parole USBKill ha solo l’apparenza di una chiavetta, perchè non può in nessun modo essere utilizzata per archiviare dati, l’unica funzione che adempie è la distruzione del dispositivo che la ospiterà.

Neanche smartphone, consolle e computer di bordo sono al sicuro

I produttori di questa chiavetta USB hanno da poco realizzato anche una serie di adattatori per collegare USBkill anche a dispositivi mobili. Disponibile sia in formato USB C e formato Lightning, permettono di collegare la chiavetta a smartphone e tablet Android oppure ad iPhone e iPad. Anche in questo caso, per i dispositivi c’è ben poco da fare, nel giro di pochi secondi i circuiti interni saranno distrutti e i dispositivi mobili non saranno più utilizzabili.
Stessa sorte per automobili con ingresso per chiavetta USB e qualunque altro device dotato di questa tipologia di porta (come le consolle videogame), USBkill non guarda in faccia a nessuno.

leggere anche: computer | errori comuni da non fare

Stando a quanto affermano i creatori di USBkill, la loro chiavetta killer ha un’efficienza altissima. Dai test condotti in laboratorio si scopre che la chiavetta può distruggere il 95% dei dispositivi ai quali viene connessa. Gli unici a essere immuni sono i computer Apple di ultima generazione. Con i loro circuiti, i cicli di carica e scarica dei condensatori della chiavetta non hanno alcun effetto.

Le migliori alternative a WhatsApp

WhatsApp al momento è l’app di messaggistica più usata, ma non tutti sanno che ne esistono molte altre, altrettanto valide (o anche di più)!

WhatsApp, facente parte delle proprietà di Facebook, è l’app più usata per la messaggistica istantanea ma potrebbe vedere i suoi clienti orientarsi altrove, su altre applicazioni simili. Il cambio di tendenza potrebbe attribuirsi al fatto che WhatsApp aggiungerà la pubblicità senza la possibilità di toglierla pagando un abbonamento. Ma non solo, con il passare del tempo sono nate tante altre applicazioni veramente valide che riescono a stare al passo di WhatsApp diventando così delle vere rivali degne di nota. Insomma se si è stanchi di WhatsApp o per vedere “cos’altro offre il mercato” ecco una lista di applicazioni alternative a WhatsApp per la messaggistica istantanea!

Leggi tutto “Le migliori alternative a WhatsApp”

WhatsApp | Tornano gli stati classici

WhatsApp torna sui suoi passi: previsto, entro pochi giorni, un aggiornamento che reintegrerà gli stati “classici”

Aggiornamento non proprio gradito quello rilasciato non molto tempo fa dall’app di messaggistica numero uno per eccellenza dove venivano inseriti gli stati personalizzabili attraverso foto e video con una durata massima di 24h e, sempre nello stesso aggiornamento, venivano eliminati gli stati classici.

leggere anche: Whatsapp | in arrivo la pubblicità nelle chat

Eliminare lo stato classico che permetteva di aggiungere una frase personalizzata (o una di default) non ha riscosso molto successo. Tornano quindi i classici “occupato” “batteria scarica” “sto dormendo” ed altri, ovviamente questi non sostituiranno le personalizzazione attraverso foto e video ma l’accosteranno.

Bisognerà aspettare per veder ripristinati i vecchi status, per ora a poterne usufruire nuovamente sono solo i beta tester (come si diventa beta tester? click qui). I primi a veder tornare gli status classici in via definitiva saranno gli utenti Android, seguiranno poi tutti gli altri.

WhatsApp | In arrivo la pubblicità nelle chat

Stando ad alcuni rumors, l’applicazione di messaggistica più rinomata al mondo potrebbe essere alle porte di una grande novità: l’inserimento di banner pubblicitari all’interno delle chat.

I rumors che avrebbero messo la pulce nell’orecchio a tutti gli appassionati dell’applicazione sarebbero più fondati che mai, l’applicazione in questi giorni avrebbe anche iniziato i test con alcune aziende. WhatsApp quindi -con molta probabilità- inserirà a breve degli spazi pubblicitari che, purtroppo, non sarà possibile aggirare pagando un abbonamento. Ecco così pronte altre applicazioni di messaggistica istantanea, come Telegram e Wechat, ad accogliere tutti gli utenti che decideranno di abbandonare la blasonata WhatsApp in favore di un servizio gratuito e privo di pubblicità.

leggere anche: WhatsApp | arrivano gli stati personalizzabili con foto e video

Per ora nessuna notizia è confermata e da WhatsApp non trapelano notizie. Bisognerà aspettare per vedere come il servizio di messaggistica di proprietà di Facebook intenderà inserire la pubblicità al suo interno.

Facebook Messenger | Come usarlo senza profilo Facebook

Per usare Facebook messenger non è necessario avere un account Facebook!

Sempre più persone decidono di prendersi una pausa dai social (soprattutto da facebook), altre invece vorrebbero cancellarsi ma temono di non poter più mantenere i contatti con i propri amici tramite l’applicazione Facebook Messenger. Ma da oggi è possibile eliminare il proprio account pur continuando ad usare Facebook Messenger.

leggere anche: come cancellarsi definitivamente da Facebook in modo semplice

deseatme | il sito per sparire dal web

Se è stato eliminato l’account Facebook -o non se ne è mai posseduto uno- bisogna assicurarsi di scaricare Facebook Messenger. Andare quindi nel proprio store (app store, google play, windows store) e cercare l’applicazione Facebook Messenger, una volta scaricata l’applicazione bisognerà inserire il proprio numero di telefono e premere su Continua. Arriverà così un codice tramite SMS che servirà per confermare il numero immesso. Una volta inserito il codice nell’applicazione il gioco è fatto! A questo punto basterà digitare il numero di qualche amico e iniziare ad usare l’app.

Smartphone | Errori comuni da non fare!

Ci sono errori che se commessi possono portare al malfunzionamento dello smartphone e col tempo possono anche accorciarne la vita!

Per inesperienza o per -cattiva- abitudine si può incappare in qualche errore comune a tutti i possessori di smartphone, non tutti sanno che questo tipo di errori col tempo possono accorciare notevolmente la vita dello smartphone o portarlo ad un malfunzionamento cronico!

Leggere anche: i 25 oggetti sostituiti dallo smartphone

Piccole accortezze ed attenzioni rivolte al dispositivo aiutano a mantenerlo sempre veloce e pulito. Inoltre tenere costantemente al meglio il proprio smartphone può tornare utile nel caso in cui si voglia rivendere lo smartphone!

Leggere anche:

Iniziamo subito la nostra lista di errori comuni da non fare con il proprio smartphone!

1 – Scollegare e ricollegare lo smartphone al caricatore

Questo è un errore veramente comune commesso da praticamente tutti i possessori di uno smartphone, il rischio è quello di scalibrare la batteria del device. Cosa succede se la batteria del dispositivo si scalibra? Un dispositivo con la batteria scalibrata non indica il valore reale della batteria e quindi potrebbe spegnersi improvvisamente anche se nel display viene segnato un valore di carica alto. Un corretto uso della carica prevede che il dispositivo venga collegato alla corrente quando il valore si aggira intorno al 20% e che non venga scollegato prima del raggiungimento della completa carica. Una cosa da evitare categoricamente è quella di far spegnere il proprio smartphone, in alcuni casi il telefono potrebbe non riaccedersi più, quindi prestare molta attenzione e, se non si dispone di un caricatore quando il livello scendere sotto il 10% è meglio spegnere il device piuttosto che portarlo allo spegnimento automatico dovuto all’assenza totale di carica. Di seguito linkiamo un nostro articolo dove spieghiamo come usare correttamente le batterie al litio.

leggere anche: batterie al litio | come usarle correttamente e aumentarne la durata


2 – Non usare mai cleaner app/antivirus app per pulire lo smartphone

Abbiamo visto in un nostro precedente articolo quanto sia importante pulire il proprio dispositivo tramite l’ausilio di cleaner app e antivirus app! Questo tipo di applicazioni sono indispensabili per i dispositivi Android e aiutano a velocizzare il dispositivo e tenerlo lontano dai virus. Non ricorrere a questo tipo di applicazioni potrebbe portare ad un progressivo rallentamento dello smartphone.

leggere anche: cleaner app | le migliori app per pulire lo smartphone
antivirus app | le migliori app per proteggere lo smartphone


3 – Non chiudere mai le applicazioni

Altro errore comunissimo e commesso praticamente da chiunque è quello di non chiudere le applicazioni e tenerle sempre aperte in background. Questo porta lo smartphone a consumare più batteria perché le applicazioni continuano a consumare anche se non sono in uso. Per chiudere un’app il metodo è molto simile in tutti i dispositivi, basta un doppio click e sliderare, anche molte applicazioni cleaner danno la possibilità di “premere un bottone” e chiudere tutte le app contemporaneamente, ma se si usa un iPhone o non si vuole ricorrere ad una cleaner app è buona norma chiudere le applicazioni man mano che non si usano più.


4 – Non mettere nessuna protezione al dispositivo

Questo consiglio non riguarda il software ma la parte hardware. Non proteggere lo smartphone con cover, vetri o pellicole di protezione porta il dispositivo ad un naturale deterioramento dovuto all’uso, se poi si intende vendere il dispositivo bisognerà tener conto delle condizioni e dell’usura dello stesso.

leggere anche: battaglie | pellicole protettivi o vetri protettivi?
come sapere il valore del proprio smartphone


5 – Non spegnere mai il dispositivo

Altro errore frequentemente commesso è quello di non spegnere mai il dispositivo! E’ importantissimo riavviare lo smartphone di tanto in tanto per dargli la possibilità di terminare tutti i processi e riavviarsi in modo “pulito”. Se il dispositivo non viene mai spento si rischia un progressivo rallentamento dello stesso ed è possibile che si manifestino problemi fastidiosi come la mancata ricezione di notifiche di WhatsApp o di altre app simili.


6 – Scaricare applicazioni da fonti non ufficiali

Questo errore è meno comune di quelli indicati sopra, ma è comunque importante sapere che scaricare applicazioni da fonti non ufficiali (e quindi non sicure) espone il dispositivo a virus. Infatti bisogna sapere che le applicazioni presenti nei vari store ufficiali (App Store, Play Store e Windows Store) vengono controllate prima di essere immesse nello store, questo assicura una sicurezza che le fonti non ufficiali non garantiscono.

leggere anche: dove si nascondono i virus informatici


 

WhatsApp | Cambiare lo sfondo delle chat

In questo articolo un piccolo tutorial su come cambiare lo sfondo delle chat per personalizzare una conversazione o l’intera applicazione!

Whatsapp, l’applicazione di messaggistica istantanea più usata, può essere personalizzata! Come per la personalizzazione dello sfondo del proprio smartphone o computer, anche per whatsapp è possibile impostare un’immagine di sfondo diversa da quella di default.

Leggere anche: dove trovare i migliori wallpaper

La personalizzazione dell’applicazione può essere applicata a tutte le chat, sia singole che dei gruppi. Vediamo ora come cambiare lo sfondo delle chat sui dispositivi iOS, Android e Windows Phone.

cambiare lo sfondo generale delle chat whatsapp su iPhone

  1. aprire l’app
  2. andare in impostazioni in basso a destra
  3. scegliere la voce chat
  4. selezionare la voce sfondo chat
  5. scegliere tra Libreria sfondi (quelli predefiniti) – Colori a tinta unitaFoto (ovvero quelle presenti nella galleria del proprio iPhone)

Nota: su iPhone è possibile cambiare solo lo sfondo generale delle chat, non è possibile cambiare lo sfondo ad una sola conversazione.

cambiare lo sfondo generale delle chat whatsapp su Android

  1. aprire l’app
  2. recarsi nel menu
  3. scegliere la voce impostazioni
  4. selezionare la voce impostazioni chat
  5. cliccare poi su sfondo e selezionare lo sfondo desiderato

Nota: Il bottone “menù” può essere reale o nello schermo, riportiamo di seguito delle immagini per capire meglio cosa si intende come “menù” sui diversi dispositivi Android.

tasto-menu-samsung-xperia

tasto-menu-samsung

cambiare lo sfondo di una chat whatsapp su Android

  1. aprire l’app
  2. aprire la conversazione della quale si vuole cambiare lo sfondo
  3. cliccare su menu
  4. selezionare la voce sfondo e selezionare lo sfondo desiderato

cambiare lo sfondo generale delle chat whatsapp su Windows Phone

  1. aprire l’app
  2. recarsi nel menu
  3. scegliere la voce impostazioni
  4. selezionare la voce impostazioni chat
  5. cliccare poi su sfondo predefinito e selezionare lo sfondo desiderato

cambiare lo sfondo di una chat whatsapp su Windows Phone

  1. aprire l’app
  2. aprire la conversazione della quale si vuole cambiare lo sfondo
  3. cliccare su menu
  4. selezionare la voce sfondo e selezionare lo sfondo desiderato

Come sapere il valore del proprio smartphone

Per vendere il proprio smartphone (o per curiosità) esistono siti che permettono di conoscerne il valore!

Abbiamo già trattato nel blog diverse volte l’argomento della vendita dello smartphone, per chi non avesse avuto modo di leggere tutti gli articoli li riportiamo qui sotto:

L’argomento di oggi va a completare questa serie di articoli, parliamo infatti di come conoscere il valore del proprio smartphone. Per vendere il proprio dispositivo bisogna riuscire a proporlo in vendita al prezzo più adeguato senza svalutarlo e senza rischiare di aumentarne il valore effettivo.

Di seguito proponiamo una piccola lista di siti che aiutano a rendersi conto del valore del proprio smartphone, ovviamente questi siti riescono a dare una stima che rispecchia il valore di un determinato dispositivo in ottime condizioni. Se quindi il proprio smartphone presenta difetti va da sé che bisognerà abbassare il prezzo di vendita. Alcuni siti di quelli che proporremo danno la possibilità di indicare anche gli eventuali difetti e condizioni del dispositivo, in modo tale da riuscire a restituire una stima adeguata allo stato del device.

Movaluate il primo sito di cui parliamo è Movaluate che in maniera molto veloce riesce a dare una stima sul valore del dispositivo messo in esame. Una volta inserito il nome esatto dello smartphone (ci si può aiutare con i suggerimenti che compariranno man mano che si digita) apparirà una schermata dove si vedrà quanto vale lo smartphone in dollari americani (per sapere il valore in euro basta andare su un convertitore di valuta). Scorrendo la pagina si vedranno tutti i dettagli e i dati riguardanti il valore dello smartphone e nella colonnina a lato è possibile indicare le condizioni del telefono, ovviamente se vengono cambiati i valori di base (impostati su “telefono in buone condizioni”) il prezzo cambierà.

NOTA: per quanto riguarda gli iPhone bisogna selezionare, al momento in cui si immette il tipo esatto di iPhone che si possiede, la voce “unlocked” che sta a significare che il dispositivo è “sbloccato per tutte le sim”.

Kijiji anche Kijiji permette di sapere il valore di uno smartphone. Per Kijiji non intendiamo il portale italiano, bensì quello Canadese (il valore dello smartphone sarà quindi espresso in dollari canadesi). La valutazione dello smartphone è calcolata in base agli annunci presenti sul portale stesso. Per scoprire il valore del proprio smartphone bisogna inserire la Marca e il nome e compariranno successivamente delle stime basate su altri annunci e sulla valutazione generale del prodotto.

MobileValuer dall’aspetto un po’ datato e superato, questo sito permette di conoscere il valore del proprio smartphone funzionante o danneggiato. Per effettuare una stima il sito chiede, dopo aver scelto una macro categoria tra mobile – iPhone – iPod – Tablet – Laptop, di immettere la marca e il nome esatto del device. Successivamente verrà mostrata una stima espressa in sterline.

La nostra lista per ora finisce qui! Restiamo disponibili per segnalazioni di siti simili!