il web senza paroloni

google

Google aggiorna le norme sulla privacy e l’utilizzo dei dati

in News by

Anche Google si adegua alla GDPR sulla privacy e l’utilizzo dei dati degli utenti.

Avevamo parlato già in precedenza delle nuove direttive sulla privacy che entreranno in vigore ufficialmente il 25 Maggio, soffermandoci soprattutto sulle conseguenze per i social e le app di chat, ma questi non sono gli unici a doversi adeguare alla GDPR, Google divulga un video (e non solo) dove rende più chiara e comprensibile l’informativa sulla privacy spiegando come vengono raccolti i dati e le informazioni.

Ma in definitiva cosa cambia? Non cambia assolutamente nulla se non la chiarezza e la trasparenza con cui l’utente viene avvisato della raccolta e dell’utilizzo dei dati, sostanzialmente non cambia il modo in cui vengono raccolti o il motivo.

Uploaded Picture

Infatti, stando a quanto rilasciato dal direttore EMEA per la privacy legale di Google “Le attuali impostazioni o il modo in cui i dati verranno trattati non subiranno modifiche. Abbiamo invece migliorato le descrizioni delle nostre pratiche e delle opzioni a disposizione per aggiornare, gestire, esportare ed eliminare i dati. L’utente continuerà ad avere un controllo parziale sui dati che condivide con noi quando utilizza i nostri servizi, ma con spiegazioni più chiare. La policy aggiornata è già disponibile per la consultazione e invieremo un’email individualmente a tutti nostri utenti in merito.

 

Inoltre, tramite una sezione denominata il mio account è possibile selezionare quale attività viene salvata nel proprio account. Tramite dei semplici interruttori on-off è possibile attivare o disattivare la cronologia di diversi servizi. Per eliminare la cronologia (o solo per visualizzarla) bisogna recarsi invece nella sezione le mie attività. Tramite la dashboard, ottimizzata per dispositivi mobili, è invece possibile avere una panoramica di tutti i dati associati ai servizi Google. Inoltre, sarà possibile anche esportare i propri dati, in merito Google fa sapere che “la portabilità dei dati” è ancora in fase di miglioramento.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, sostieni SCUBIDU mettendo like alla nostra pagina Facebook, seguendoci su Twitter e su YouTube! Inoltre puoi seguire il nostro Feed Rss per sapere sempre le ultime news!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from News

Go to Top