Smartphone | luoghi comuni da sfatare

smartphone

Caricare lo smartphone tutta la notte danneggia il telefono? la capacità delle RAM influisce sulla qualità e la velocità dello smartphone? 

Sono tante le dicerie che avvolgono il mondo degli smartphone, molte di queste non sono vere e non trovano nemmeno un fondamento logico. Altre volte, invece, si è portati a credere ad alcuni luoghi comuni proprio perché le aziende lasciano intendere assolutamente necessarie e fondamentali alcune caratteristiche che, per quanto siano importanti, non ricoprono un ruolo così fondamentale. Ad esempio, il fattore RAM è importante in un dispositivo ma la capacità delle RAM di un telefono non è così influente sulle prestazioni di questo. Partiamo subito con la nostra lista di luoghi comuni da sfatare!


caricare lo smartphone tutta la notte ne danneggia la batteria

No, assolutamente falso. Caricare lo smartphone tutta la notte non danneggia in nessun modo la batteria, non la sovraccarica e non influisce sulla durata vitale di questa. Sono altre le cattive abitudini che possono danneggiare la batteria e caricare lo smartphone tutta la notte non rientra tra queste.

smartphone-ricariche-per-tutta-la-notte
più che le ricariche notturne, le batterie degli smartphone temono il caldo e il freddo

la capacità delle RAM è indice di qualità, velocità ed alte prestazioni dello smartphone

Altro luogo comune da sfatare! Non è assolutamente imputabile solo alla capacità delle RAM la velocità e le prestazioni dello smartphone, a dire il vero uno smartphone non arriva praticamente mai ad impiegare appieno le proprie RAM e in più le alte prestazioni dello smartphone dipendono da tanti altri fattori. Leggere nella scheda tecnica di uno smartphone “8gb RAM” non è assolutamente garanzia di alte prestazioni.


non esistono virus per l’iPhone

Questa diceria che riguarda l’iPhone. Sarà arrivata all’orecchio di tutti, ma purtroppo non è vero che non esistono virus per l’iPhone o che l’iPhone ne sia addirittura immune. Il punto è che l’iPhone -per la precisione il suo sistema operativo- non permette di attingere ad altre fonti se non quelle ufficiali che racchiudono solo elementi (giochi, app, libri, musica) totalmente sicuri e privi di virus. Infatti, se l’iPhone viene jailbrekkato (ovvero viene craccato il sistema operativo iOs), è possibile attingere e scaricare da qualsiasi fonte e il pericolo di contrarre virus informatici diventa molto alto.

la ricarica rapida danneggia lo smartphone

Come per il primo punto, anche questo è inesatto e quindi da smentire. La ricarica rapida che è stata implementata in alcuni smartphone (generalmente in quelli di fascia alta e di ultima generazione) è studiata appositamente per ricaricare lo smartphone in poco tempo e non danneggia la batteria stessa e non influisce sulla durata complessiva della sua vita. Evitare di usare la funzione di ricarica rapida non aumenta la durata del ciclo vitale della batteria e, come anticipato prima, sono altri gli accorgimenti da attuare per riuscire ad aumentare la durata della vita delle batterie al litio.

il numero di pixel di una fotocamera è indice di foto ottimali

Senz’altro il numero di Pixel della fotocamera può dare un’idea della qualità degli scatti ma, purtroppo, non è l’unico fattore che influisce sulla resa finale. Le lenti della fotocamera, lo zoom, il flash, il software di elaborazione sono alcuni dei fattori che permettono ad una fotocamera di scattare foto perfette. Prendiamo ad esempio la nostra esperienza con un GooPhone i5c (corrispondete all’iPhone 5c con sistema operativo Android), sulla carta lo smartphone aveva un buon numero di Pixel ma la resa della fotocamera era davvero pessima. Qui la nostra recensione dell’i5c. Un ottimo strumento per valutare una fotocamera prima dell’acquisto di uno smartphone è affidarsi al sito dxomark.com, presto scriveremo un articolo dove illustreremo come impiegare al meglio gli strumenti messi a disposizione da questo sito.

goophone-finti-iphone
Ecco un’immagine raffigurante due Goophone, esteticamente sono identici agli iPhone, ma presentano un sistema operativo Android. click sull’immagine per ulteriori info.

gli aggiornamenti velocizzano lo smartphone

Senz’altro gli aggiornamenti al sistema operativo sono utili e necessari, integrano funzionalità e correggono alcuni errori ma non influiscono positivamente sulla velocità di risposta dello smartphone, anzi, molte volte -soprattutto negli smartphone meno recenti- influiscono negativamente anche sulla durata della batteria, nonchè sulla velocità delle prestazioni del dispositivo stesso. Un chiaro esempio è quello che ha visto protagonisti gli iPhone con il passaggio ad iOs 11 (in particolare gli ultimi dispositivi inclusi nell’aggiornamento: gli iPhone 6), dopo l’aggiornamento, infatti, gli smartphone si scaricavano più velocemente rispetto a prima. Tornando a parlare della velocità di dispositivi, gli aggiornamenti portano con sé molti aspetti positivi come la risoluzione di errori, nuove funzioni e miglioramenti alla privacy e alla sicurezza del dispositivo stesso ma, ovviamente, ogni aggiornamento ha un suo peso che, soprattutto nei dispositivi con poca memoria, contribuirà al rallentamento dello smartphone.

Non esistono pericoli nelle reti Wi-fi libere e senza password 

No! Purtroppo bisogna sempre diffidare dalle reti Wi-Fi libere, soprattutto se non sono quelle pubbliche che si possono trovare in biblioteca o in un bar. Il problema è che dietro ad una rete Wi-Fi libera da password potrebbe nascondersi una vera e propria trappola creata per rubare dati personali o per infettare il dispositivo con qualche “virus del riscatto“! Ovviamente le possibilità che dietro ad una connessione Wi-Fi libera e senza password si nasconda un hacker sono molto remote, il più delle volte dietro ad una rete Wi-FI di questo genere si nasconde un vicino di casa che non ha saputo impostare correttamente una chiave di sicurezza, ma la prudenza non è mai troppa: se il proprio smartphone rileva una rete Wi-Fi libera da password, è meglio non fidarsi.

le cover surriscaldano lo smartphone

Questa è una diceria poco diffusa, ma comunque esistente. Mettere una cover al proprio smartphone non vuol dire “soffocarlo” e nemmeno impedire il raffreddamento di questo, l’unico caso in cui noi consigliamo di togliere la cover al proprio smartphone è quando, e chi ha un iPhone lo sa, il telefono avverte che è stata raggiunta una temperatura troppo alta ed è quindi richiesto il raffreddamento del dispositivo. In questo caso, tra le diverse accortezze da attuare per raffreddare il proprio smartphone, consigliamo di togliere anche la cover (soprattutto se sono quelle in silicone molto ingombranti). 

cover-surriscaldano-iphone
ecco il messaggio che compare sui display iPhone quando avviene un surriscaldamento eccessivo. click sull’immagine per altre info

 

Se ti è piaciuto questo articolo, sostieni SCUBIDU mettendo like alla nostra pagina Facebook, seguendoci su Twitter e su YouTube! Inoltre puoi seguire il nostro Feed Rss per sapere sempre le ultime news!



aussieparadise.it

4 pensieri riguardo “Smartphone | luoghi comuni da sfatare”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.