Connect
To Top

POS obbligatorio nel 2018 | Tutti i dettagli

Accettare pagamenti con bancomat e carte sarà obbligatorio con la Legge di Bilancio 2018…In questo articolo, le categorie interessate e le sanzioni previste.

Per molti passerà alla storia come il “Decreto sanzioni POS” o “Decreto POS 2017”. In realtà si tratta della Legge di Bilancio 2018 e, tra le varie norme previste (come la rimodulazione della banda radio per favorire lo sviluppo del 5G e conseguente arrivo del nuovo digitale terrestre), arriva anche un articolo che dà seguito a quanto già previsto nel Decreto Crescita 2.0 (articolo 15 del Decreto Legge 179 del 2012) e nella Legge di Stabilità 2016. Se il testo della legge di bilancio dovesse passare immune Camera e Senato, sarà bancomat obbligatorio per commercianti e professionisti. La norma, nei piani del Governo, dovrebbe aiutare a contrastare l’evasione fiscale, dando modo all’Agenzia delle Entrate di avere un quadro più preciso su spese e redditi degli italiani. Ma cosa prevede esattamente il decreto POS 2017? Nel testo in discussione al Senato, l’articolo recita: “I soggetti che effettuano l’attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali, sono tenuti ad accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito e carte di credito”. Il tutto al netto di “casi di oggettiva impossibilità tecnica”, che possono essere ricondotti alla mancanza di connessione o linea telefonica.

Quindi, se questo dovesse essere il testo definitivo approvato dal Parlamento, sembrano non esserci molti dubbi sui destinatari della misura e sulle modalità di attuazione della norma. Resta da capire se il testo prevederà anche delle esenzioni d’obbligo POS o delle agevolazioni per chi utilizzerà il bancomat, ma il quadro sembra ormai essere ben definito.

POS obbligatorio, per chi?

Secondo al testo inserito nella Legge di Bilancio 2018, l’obbligo POS vale per tutti i commercianti e artigiani che effettuano la vendita di prodotti (bar, artigiano, supermercato, ristorante, pizzeria e negozi di ogni genere) e per quei professionisti che operano a diretto contatto al pubblico (avvocati, commercialisti, dentisti e professionisti medici in genere, notai, architetti, ingegneri e così via).

POS obbligatorio, da quando?

Al momento, sembra non esserci ancora niente di deciso per quel che riguarda i tempi di applicazione della nuova norma. Trattandosi della Legge di Bilancio 2018, l’obbligo POS dovrebbe partire dal 1 gennaio 2018 ma, visti i tempi stretti, può darsi che il Governo decida per un periodo transitorio che consenta a tutte le categorie interessate di mettersi in regola ed evitare così di incorrere nelle sanzioni.

Obbligo POS, le sanzioni

La norma in fase di approvazione prevede anche delle sanzioni per chi non ha il bancomat. Rifacendosi a una norma già presente, il Governo prevede una sanzione di 30 euro per gli esercenti o professionisti che rifiuteranno pagamenti superiori ai 5 euro. Insomma, nel caso in cui si voglia acquistare solo un pacchetto di caramelle al bar non si potrà pagare con bancomat o carta di credito; nel caso si paghi la colazione a 3 o 4 amici, invece, il barista dovrà necessariamente accettare il pagamento elettronico. A meno che, ovviamente, non voglia incorrere nelle sanzioni previste dalla legge.

POS obbligatorio, esenzioni e agevolazioni

Il decreto POS 2018 non è ovviamente esente da critiche. Le varie associazioni di categoria – Confcommercio in testa – hanno già fatto sentire la loro voce di dissenso nei confronti di una norma che, a loro dire, non otterrà i risultati previsti. Se da un lato le sanzioni per l’obbligo del POS potrebbero essere troppo lievi (30 euro a fronte di pagamenti di migliaia di euro), dall’altro la norma sarebbe troppo penalizzante nei confronti di determinate categorie commerciali e professionali.

Per questo motivo, sarebbero allo studio del Governo delle esenzioni bancomat obbligatorio. Per benzinai e tabaccai, ad esempio, sarebbe allo studio misure temporanee per escludere dalla norma (almeno inizialmente) tabaccai e benzinai. Queste due categorie, infatti, già operano da sostituti nell’incassare imposte e accise per conto dello Stato e offrirebbero un grado di tracciabilità maggiore rispetto agli altri esercenti. L’esenzione, inoltre, dovrebbe essere garantita a quei professionisti – come avvocati, architetti, ingegneri o medici  che operano all’interno di studi associati e che fatturano al titolare dell’impresa e non direttamente al cliente. La Confcommercio e altre organizzazioni di categoria, però, vorrebbero ampliare l’esenzione del POS obbligatorio anche ad altri settori. Si pensa, ad esempio, ai camionisti o ai fornitori di beni e servizi per conto terzi (artigiani e professionisti che operano, ad esempio, con la Pubblica Amministrazione) che non hanno un rapporto diretto e continuativo con il pubblico.

Non mancheranno, poi, limiti alle commissioni bancarie che si applicano sui pagamenti elettronici. Con il bancomat obbligatorio dovrebbero diventare norma anche le riduzioni alle commissioni bancarie sui micropagamenti, così da non incidere troppo sul fatturato di un piccolo esercizio commerciale nel caso in cui tutti i clienti dovessero pagare con carta di credito o bancomat anche per piccoli importi.

Il Governo, infine, dovrebbe prevedere delle agevolazioni fiscali per chi usa carta di credito o bancomat. L’idea dell’esecutivo è di “premiare” chi si avvale dei sistemi di pagamento elettronico: rendendo tracciabili le loro spese (e gli incassi di esercenti e professionisti) aiuterebbero infatti la lotta all’evasione ed elusione fiscale.

leggere anche: canone rai | tutto quello che c’è da sapere

Se ti è piaciuto questo articolo, sostieni SCUBIDU mettendo like alla nostra pagina Facebook e seguendoci su Twitter!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in News

Web news, recensioni programmi e dispositivi, tutorial e molto altro! Tutto questo su Scubidu.eu!

SCUBIDU... Il web senza paroloni!

AllevamentiGatti.eu

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione. Tutte le foto ed il materiale presenti su Scubidu sono presi dal web e, rielaborati più o meno liberamente, i contenuti in essi riportati rimangono di proprietà dei rispettivi creatori. Qualora i proprietari originari degli stessi desiderino la rimozione dalla presente pagina, possono farne richiesta tramite la pagina contatti.

Copyright © 2016-2017 Scubidu. SITO IN AGGIORNAMENTO