DNS | Cosa sono e come cambiarli per velocizzare la connessione internet

Cosa sono i DNS, come cambiarli in modo semplice per velocizzare la connessione internet!

Il Server DNS (Domain Name System) è un computer che contiene un archivio o database di dati con una lista che associa ad ogni dominio esistente su internet un indirizzo IP.
In pratica procede al collegamento tra indirizzo IP (72.14.234.104) e dominio (www.google.com) .
Grazie ai server DNS, per aprire un sito, invece di scrivere sul browser l’indirizzo IP (difficile da ricordare), si può semplicemente scrivere il nome del sito (dominio), ad esempio Google.com.

Queste liste di collegamenti sono all’interno di server DNS, i cui indirizzi sono forniti dai provider di rete come TIM, Infostrada, Fastweb ecc.).
Andando nei dettagli della connessione è possibile vedere l’indirizzo IP del DNS primario e del DNS secondario, assegnati automaticamente dal fornitore di rete.
I server DNS possono essere forniti anche da altri provider di rete o aziende.
Ad esempio esistono DNS indipendenti e sicuri come quelli forniti da Norton.

I principali motivi per cui cambiare i DNS sono:

Riguardo alla protezione dai siti pericolosi, impostare i DNS con OpenDNS o SecureDNS significa avere un blocco preventivo sui siti pericolosi o che distribuiscono virus.
Se richiesto, è anche possibile bloccare i siti per adulti o quelli violenti, tramite questi server DNS.

Bypassare le censure nazionali significa aprire siti bloccati in Italia o in altri paesi dove si può stare (come ad esempio aprire Google in Cina).
Eliminando l’associazione IP al dominio nelle liste, i fornitori nazionali di internet possono bloccare alcuni siti ai propri utenti.
Questo succede anche in Italia per i siti che violano leggi di copyright e siti di pirateria, mentre in pesi dittatoriali i siti vengono oscurati anche per motivi politici.

Velocizzare connessione internet invece, vuol dire trovare server DNS più veloci a collegare IP a dominio quando si effettua una richiesta.
Se un server DNS risponde più velocemente anche se di pochi millisecondi, i siti internet vengono collegati prima e si guadagna in velocità nell’aprire le pagine, qualsiasi sia il browser utilizzato.

Con DNSJumper è possibile cambiare i DNS in modo molto più semplice rispetto al cambiarli manualmente nelle impostazioni avanzate della connessione. Inoltre il programma permette di effettuare un test su tutti i DNS disponibili trovando i più adatti alla propria connessione.

Dopo il download del programma (in file ZIP), bisogna estrarre i file ed avviarlo aprendo DnsJumper.exe.

Uploaded Picture

Effettuando il test per trovare il DNS migliore, DNSJumper fa una verifica sui tempi di risposta di tutti gli indirizzi ip che ha in memoria, li confronta con i DNS preimpostati sul proprio computer e dice all’utente quali sono i DNS primario e secondario più veloci nel test.
Per avviare il test, premere su DNS più velosi a sinistra e poi su Inizia test DNS. Il programma troverà i DNS più veloci con la connessione in uso, a questo punto, si può premere il tasto Applica per cambiare automaticamente DNS primario e secondario sul computer memorizzandoli nelle impostazioni di rete.
Si può anche premere il tasto Svuota DNS per eliminare la cache interna al computer con una cattiva mappatura di nomi risolti (se qualche sito non si aprisse potrebbe essere questo il problema).

leggere anche: vpn | cos’è e a cosa serve

I migliori siti per guadagnare con i sondaggi retribuiti

Certamente non se ne ricaverà una fortuna, ma per raccogliere qualche euro e per “dare la propria opinione” esistono dei portali che permettono di guadagnare compilando sondaggi

Come appena anticipato, esistono dei portali che mettono in comunicazione le grandi aziende e multinazionali con la possibile e futura clientela e, in cambio di sondaggi debitamente compilati, attribuiscono dei punteggi, punteggi che possono essere trasformati in buoni sconto, donazioni o in soldi reali. I sondaggi sono molto utili nel caso di campagne pubblicitarie e/o di investimenti da effettuare, le grandi aziende si rivolgono così al pubblico per cercare di capire come andare in contro al mercato attuale.

Come funzionano i sondaggi online? quanto si guadagna?

In linea generale funzionano tutti nello stesso modo: non tutti i sondaggi valgono lo stesso punteggio, arrivati ad una soglia minima si può decidere se ritirare il premio (buoni sconto, coupon e similari) o -se si hanno abbastanza punti- ritirare soldi. Le soglie minime variano da sito a sito (così come l’attribuzione del punteggio). 

Per poter iniziare a compilare sondaggi bisogna iscriversi al sito e immettere alcune informazioni; alcune sono le informazioni di base che praticamente ogni sito richiedere (nome, città, mail etc etc) ed altre invece sono informazioni atte al completamento del proprio profilo come ad esempio dove si abita, quale lavoro si svolge, quanti figli si hanno, quante auto si possiedono, chi in casa fa la spesa, quanto conta la propria opinione sugli acquisti in famiglia e così via…queste informazioni serviranno al portale quando vorrà sottoporre un sondaggio, è quindi importante immettere informazioni vere. 

Completato il proprio profilo bisognerà aspettare che il portale richieda di compilare un sondaggio, può infatti capitare che il proprio profilo non corrisponda al profilo medio a cui l’azienda si vuole riferire, e così bisognerà aspettare di rientrare tra i potenziali candidati. Iniziamo ora con la nostra lista!

Ah…prima di iniziare…se ve lo state chiedendo….no, non riuscirete a capire per conto di quale azienda si sta compilando un sondaggio 😐 … ma forse la domanda più giusta da porsi, prima di iniziare con la lista, è la seguente:

ma quindi quanti soldi si guadagnano con i sondaggi??

Dipende. dipende da quanti e quali sondaggi si compilano e dal portale scelto…facendo una media e parlando di retribuzione oraria ci si aggira intorno ad 1,50€.

lista di siti per compilare sondaggi online in cambio di buoni sconto, coupon e soldi

toluna – famosissimo portale (forse il più famoso insieme a mysurvey) per i sondaggi online retribuiti, pagamenti puntuali e un bacino molto ricco di sondaggi da proporre.

mysurvey – anche questo portale è molto rinomato, i sondaggi a cui si chiederà la vostra partecipazione non sono moltissimi, ma comunque ben retribuiti. Mysurvey è famosa per i premi in buoni regalo o coupon. Anche se esiste l’app di Mysurvey non ci sentiamo di consigliarla perchè abbiamo potuto constatare che non è perfettamente funzionante (non arrivano avvisi sondaggi e così via).

centrodiopinione – portale italiano con frequenza di sondaggi abbastanza elevata, ci sono capitati dei sondaggi con punteggi molto alti. Sito molto apprezzato per i suoi buoni Amazon.

globaltestmarket portale famoso, per quanto il sito sembri un po’ “antiquato” è pieno di sondaggi e la retribuzione è buona. Esiste la possibilità di ricevere il denaro su PayPal oltre che buoni e coupon.

i-say – sicuramente il portale più al passo con i nuovi standard del web, anche in questo caso i sondaggi sono molti e le iniziative veramente interessanti…ad esempio? All’iscrizione il proprio profilo parteciperà -in automatico- ad un’estrazione a sorte per vincere una delle 30 shopping card prepagate del valore di 100 € ciascuna.

mobrog sito famoso che si presenta bene, mette a disposizione persino l’applicazione (qui per iOs e qui per android). Il sito paga piuttosto bene e puntale, è possibile guadagnare dai 50 centesime ai 3 euro per ogni sondaggio.

Google Opinion Rewards – non è un sito ma un’app android che sottopone all’utente un brevissimo sondaggio con cui riceverà in cambio dei soldi (la ricompensa varia secondo la pertinenza del proprio profilo al sondaggio), questi soldi (massimo 0,75€) possono essere spesi sul Google Play store…ottima come idea, no?

sondaggiretribuiti – questo sito è stato segnalato da un nostro lettore e mette a disposizione in un unico sito le migliori società presenti in rete per guadagnare con le ricerche di mercato retribuite.

La nostra lista di siti/app per guadagnare online con i sondaggi retribuiti finisce qui…per qualsiasi segnalazione scriveteci! 

Windows 10 | Come eliminare Onedrive

Microsoft OneDrive è preinstallato su Windows 10 ma non tutti lo sopportano vogliono!

Se si fa parte di chi non sopporta l’apertura improvvisa di OneDrive o semplicemente non lo si utilizza, è possibile eliminarlo in modo semplice e veloce.

Con l’ultima versione di Windows (la Creators Update) è possibile disinstallare OneDrive come un qualsiasi altro programma presente sul computer. Per farlo è sufficiente seguire questa piccola guida.

Come eliminare definitivamente OneDrive dal computer:

  1. Aprire Start, digitare Pannello di controllo e aprirlo.
  2. Cliccare sulla voce Disinstalla un programma.
  3. Cercare Microsoft OneDrive e cliccando col tasto destro del mouse scegliere Disinstalla.
    Uploaded Picture
  4. Fatto!

Microsoft OneDrive è stato eliminato.

Se si desidera reinstallare OneDrive in futuro, è necessario eseguire il programma di installazione OneDrive disperso nella cartella di sistema di Windows. Basta andare in C:\Windows\SysWOW64\ in una versione a 64 bit di Windows 10 o in cartella C:\Windows\System32 in una versione a 32 bit di Windows 10. Fare doppio clic sul file OneDriveSetup.exe e Windows reinstallerà OneDrive.

C’è un problema con la disinstallazione di OneDrive: la cartella vuota di OneDrive apparirà ancora nella parte laterale sinistra di Esplora File. Se si desidera, è possibile fermarsi qui. OneDrive è stato rimosso e non sta più facendo niente. Tuttavia, se la cartella vuota di OneDrive dà fastidio, si dovrà usare il seguente trucco.

Rimuovere la cartella OneDrive da Esplora File modificando il Registro di sistema:

Se si dispone di Windows 10 Home, sarà necessario modificare il Registro di sistema di Windows per rimuovere la cartella OneDrive dalla parte laterale sinistra di Esplora File. È possibile procedere in questo modo anche su Windows Pro o Enterprise, ma il metodo con l’Editor di criteri di gruppo è una soluzione migliore per disattivare in modo sicuro OneDrive.

ATTENZIONE: L’Editor del Registro di sistema è uno strumento potente e l’abuso può rendere il sistema instabile o addirittura inoperabile. Questo è un hack abbastanza semplice e fintanto che ci si attiene alle istruzioni, non si avranno problemi.

  • Per iniziare aprire l’Editor del Registro di sistema premendo Start e digitando regedit. Premere Invio per aprire l’Editor del Registro di sistema e consentirgli di effettuare modifiche al PC.
    Uploaded Picture
  • Nell’Editor del Registro di sistema, utilizzare la parte laterale sinistra per navigare alla seguente chiave. Nella versione Creators Update è possibile anche copiare e incollare l’indirizzo nella barra degli indirizzi del Registro di sistema.
    HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID\{018D5C66-4533-4307-9B53-224DE2ED1FE6}
    Fare doppio clic su System.IsPinnedToNameSpaceTree nel riquadro destro. Impostarlo su 0 (zero) e fare OK.
    Uploaded Picture
  • Se si utilizza la versione a 64 bit di Windows 10, si dovrà anche andare alla seguente chiave sempre nella parte laterale sinistra.
    HKEY_CLASSES_ROOT\Wow6432Node\CLSID\{018D5C66-4533-4307-9B53-224DE2ED1FE6}
    Fare doppio clic su System.IsPinnedToNameSpaceTree nel riquadro destro. Impostarlo su 0 (zero) e fare OK.
    Uploaded Picture
  • La cartella OneDrive scompare immediatamente dalla barra laterale di Esplora File. In caso contrario, riavviare il computer.

Scaricare il nostro Hack per il Registro già pronto (doppio clic e basta!)

Se non ci si sente in grado di apportare modifiche nel Registro di sistema da soli, noi di Scubidu abbiamo creato degli hack scaricabili già pronti all’utilizzo. Un hack rimuove la cartella OneDrive da Esplora File, mentre l’altra hack lo ripristina. Abbiamo incluso gli hack sia per le versioni a 32 bit sia a 64 bit di Windows 10. Fare doppio clic su quello che si desidera utilizzare, confermare e riavviare il computer.

Uploaded Picture

Scaricare i file qui.

Per verificare se si utilizza una versione a 32 bit o a 64 bit di Windows 10 , andare in Start > Impostazioni> Sistema> Informazioni su.

leggere anche: windows | come trovare le informazioni del computer

windows | verificare se la licenza è attiva

Questi hack cambiano solo le impostazioni che abbiamo cambiato sopra. L’esecuzione del hack “Hide OneDrive From Esplora File” imposta il valore su 0 (zero), mentre l’esecuzione del “Restore OneDrive in Esplora File” regola il valore a 1.

Per chi dispone di Windows 10 ProEnterprise: disattivare OneDrive con l’Editor Criteri di gruppo locale.

Se si utilizza Windows 10 Professional , Enterprise o Education, il modo più semplice e sicuro per disattivare e nascondere OneDrive è l’utilizzo dell’Editor di criteri di gruppo locale. È uno strumento molto potente, quindi se non lo si ha mai usato prima, bisogna prendere un po ‘di tempo per sapere cosa può fare . Inoltre, se si lavora in una rete aziendale, chiedere all’amministratore di rete prima. Se il computer di lavoro è parte di un dominio, è anche probabile che faccia parte di una politica di gruppo di dominio che sostituirà comunque la politica del gruppo locale.

  • In Windows 10 Pro o Enterprise, premere Start, digitare gpedit.msc e premere Invio.
    Uploaded Picture
  • Nel riquadro sinistro dell’Editor di Criteri di gruppo locale, fare una ricerca in Configurazione computer > Modelli amministrativi > Componenti di Windows > OneDrive. Fare doppio clic sul criterio Impedisci l’utilizzo di OneDrive per l’archiviazione dei file nel riquadro destro, impostarlo su Abilitato e fare OK.Questo disattiva completamente l’accesso a OneDrive. OneDrive sarà nascosto da Esplora File e gli utenti non saranno autorizzati a lanciarlo. Non sarà possibile accedere a OneDrive, nemmeno da applicazioni di Windows Store o utilizzare la funzionalità di caricamento del rullino della fotocamera.Uploaded Picture
    Non si deve disinstallare OneDrive dal Pannello di controllo o Impostazioni se si utilizza questo metodo. Altrimenti si continuerà a visualizzare una cartella vuota di OneDrive in Esplora File. Se viene visualizzata una cartella vuota di OneDrive in Esplora File dopo aver modificato questa impostazione di criteri di gruppo, è necessario reinstallare OneDrive dalla cartella di sistema di Windows. Una volta fatto, la cartella vuota di OneDrive scomparirà da Esplora File.Per annullare questa modifica, tornare indietro nella procedura qui sopra e cambiare la regola su Non configurato invece di Abilitato.

    Non sembra esserci un’impostazione di Registro di sistema associata che è possibile modificare per ottenere lo stesso effetto dell’impostazione dei criteri di gruppo in Windows 10. Le impostazioni del Registro di sistema DisableFileSync e DisableFileSyncNGSC che hanno funzionato in Windows 8.1 non funzionano più in Windows 10.

Se le copie locali dei file OneDrive sono state sincronizzate con il PC, è possibile eliminarle per liberare spazio. Andare in C:\Users\NOME\OneDrive, dove ci sono i file scaricati da OneDrive. Questi non verranno eliminati automaticamente quando si scollega l’account e si interrompe la sincronizzazione. La cancellazione non li cancella da OneDrive se il proprio account è disconnesso da OneDrive, verranno eliminati solo dal dispositivo locale.

Come verificare l’effettiva velocità della CPU (processore)

Molte volte la velocità effettiva della CPU non rispecchia quella dichiarata, in questo articolo come verificare la velocità effettiva!

La velocità del processore è una caratteristica fondamentale per definire la velocità del computer. Al momento dell’acquisto di un computer si è a conoscenza della velocità del processore, ma solo di quella dichiarata. La velocità effettiva dipende da molti fattori, compresi i software installati e le impostazioni di alimentazione e risparmio energetico. In questo articolo vedremo come vedere la velocità effettiva in tempo reale in modo semplicissimo e veloce.

Come verificare la velocità effettiva della CPU:

  1. Per prima cosa bisogna aprire Gestione attività, per farlo bisogna cliccare col tasto destro del mouse su Start e scegliere Gestione attività.
  2. Nella finestra Gestione attività, cliccare su Più dettagli in basso a sinistra.
  3. A quest punto andare nella scheda Prestazioni.
  4. In questa scheda si potrà trovare la velocità dichiarata e la velocità effettiva della CPU (come in foto).
    Uploaded Picture

WhatsApp | In arrivo gli stickers!

Sulla famosa applicazione di messaggistica stanno per arrivare gli stickers di Facebook Messenger

Erano da poco arrivate le gif su WhatsApp ed ora l’applicazione più famosa per chattare sta per integrare la possibilità di inviare e ricevere stickers. Gli stickers di cui stiamo parlando sono quelli che caratterizzano un altro grande servizio di messaggistica instantanea: Facebook Messenger.

leggere anche: Facebook Messenger | arrivano i giochi

Animati, grandi, piccini, colorati…ce n’è per tutti i gusti!

Gli adesivi che compariranno su Whatsapp saranno capaci di soddisfare i gusti di tutti gli utenti, proprio come succede su Messenger di Facebook. Gli stickers faranno sicuramente perdere la testa a chi già ne è dipendente su Facebook, non è infatti molto insolito trovare sotto foto o stati solo degli stickers come risposta perchè questi riescono, in molti casi, a rendere meglio alcuni concetti o stati d’animo. Potrebbero non essere molto graditi da chi, invece, usa a stento le classiche emoji ( 🙂 ) Di seguito alcuni esempi di stickers:

stickers-in-arrivo-su whatsapp

leggere anche: come usare particolare faccine ( kaomoji) nelle chat

L’aggiornamento è attualmente disponibile solo per gli utenti Beta Tester…per sapere come diventare un Beta Tester WhatsApp consigliamo di leggere questo articolo. Bisognerà aspettare per vedere l’aggiornamento approdare sugli store (sia android che iOs).

leggere anche: come usare facebook messenger senza profilo facebook

Come scaricare foto e video da Facebook, Instagram e Twitter

In questo articolo vedremo come scaricare foto e video dai social: Facebook, Twitter, Instagram!

Alcune volte può risultare utile scaricare le proprie -e non solo- foto e video dai social come Facebook, Twitter e Instagram. Esistono diversi servizi online che permettono di effettuare queste operazioni, in questo articolo vedremo i migliori.

In tutti i servizi, indipendentemente dal social in questione, il sito chiederà di inserire il link della foto o del video e una volta premuto il tasto Download i contenuti saranno disponibili e scaricabili.

Per scaricare foto e video da Facebook:

  • dadadau.tk – il miglior sito per scaricare video da Facebook.
  • 99downloader.com – questo sito permette di scaricare video da Facebook.
  • fbdown.net – questo sito permette di scaricare i video da Facebook in qualità normale on in HD.
  • downloadvideosfrom.com – con questo servizio è possibile scaricare video da Facebook e in alternativa convertirli in MP3.
  • videodroploader.com – questo ottimo servizio permette di scaricare video da Facebook.

Per scaricare video e gif da Twitter:

  • 99downloader.com – questo sito permette di scaricare video da Twitter.
  • twdown.net – questo sito permette di scaricare i video e gif da Twitter in qualità normale on in HD.
  • downloadtwittervideo.com – con questo servizio è possibile scaricare video da Twitter e in alternativa convertirli in MP3.

Per scaricare video e foto da Instagram:

  • dadadau.tk – il miglior sito per scaricare foto e video da Instagram.
  • downloadgram.com – ottimo sito per scaricare foto da Instagram.
  • weynstag.com – è un servizio online molto simile al precedente, che consente di scaricare immagini e video da Instagram incollando l’url.
  • 99downloader.com – questo sito permette di scaricare video da Instagram.
  • downloadvideosfrom.com – con questo servizio è possibile scaricare video da Instagram e in alternativa convertirli in MP3.
  • Instagram Downloader – semplice sito con il quale è possibile scaricare foto e video da Instagram.
  • Instagram Photo&Video Downloader – sito velocissimo con il quale scaricare foto e video da Instagram.
  • Instagram Photo and video Downloader – servizio che permette di scaricare foto e video da Instagram.
  • videodroploader.com – questo ottimo servizio permette di scaricare video da instagram.
  • Image Downloader – si tratta di una estensione per Chrome che permette di effettuare il download delle immagini da Instagram.
  • InstaG Downloader – altra estensione per Chrome che consente di salvare foto e video dal “social delle foto”.
  • QuickSave – è un’applicazione completamente gratuita che permette di scaricare i contenuti pubblicati su Instagram dai dispositivi Android.

Esistono tantissimi siti per scaricare foto e video dai social, SCUBIDU dà voce ai siti funzionali e che offrono servizi efficienti dando spazio anche ad amici sviluppatori e comunque a chiunque vorrà proporre il proprio sito.

Come monitorare il proprio sonno tramite app Android, iOS e Windows

Come monitorare il proprio sonno tramite app

Abbiamo già parlato in un nostro precedente articolo di come usare lo xiaomi mi band 2 per monitorare il proprio sonno. Ma se non si possiede uno xiaomi mi band 2? Si può ricorrere all’ausilio di un’app!

Prima di procedere, ricordiamo che una delle cause del “cattivo sonno” può essere il troppo tempo trascorso davanti a pc, tv, tablet e smartphone, in quanto questi sono tutti dispositivi emananti luce blu, per saperne di più e per sapere come diminuire i disturbi legati a questa particolare luce, consigliamo di leggere questo articolo:

leggere anche: luce blu | cos’è e cosa comporta per gli occhi

Quindi per assicurarsi una buona notte (come nella gif sopra!) è importante monitorare il proprio sonno per capire quali accorgimenti attuare per riposare meglio, le applicazioni per monitorare il sonno svolgono un ruolo molto importante in questi termini grazie al fatto che -potendo sincronizzarsi con altre app per il conteggio di allenamenti e passi- lavorano in sinergia per restituire un quadro il più completo possibile…ad esempio, è possibile accorgersi che proprio nei giorni in cui si effettua attività fisica (anche se non intensa) il sonno risulta migliore o che nei giorni in cui ci si abbandona a qualche alcolico il sonno è più disturbato e così via…in questo modo è possibile, se lo si desidera, attuare piccoli ma efficaci accorgimenti per dormire e soprattutto riposare meglio.

Passiamo ora ad elencare alcune applicazioni da usare sul proprio smartphone per monitorare il sonno

APPLICAZIONI PER IOS, ANDROID E WINDOWS PHONE PER MONITORARE IL SONNO

Sleep Cycle – Questa nota applicazione doveva aprire la lista! Prima di tutto Sleep Cycle è una sveglia, e non una banale e semplice sveglia, ma una sveglia intelligente che suonerà nel momento migliore, quando il sonno è più leggero….ma come funziona? Semplice, basta impostare la sveglia e tramite il microfono (opzione consigliata) l’app sarà in grado di capire la qualità del sonno registrato e avvierà la sveglia nel momento più opportuno sempre rimanendo dentro ad un arco di tempo massimo che di default è di 30 minuti (ma è comunque possibile cambiare questo valore mettendone un altro). Perché rischiare di far suonare la sveglia mezz’ora prima del dovuto? Perché quando suonerà non risulterà un’impresa uscire dalle coperte! L’applicazione è gratuita ma per usufruire di tutti i vantaggi è necessario diventare un utente premium, rimanendo un utente standard è comunque possibile vedere quante ore si dorme per notte, quando si riposa e quando invece il sonno è leggero…e sapere persino quando si russa e per quanto tempo! con la versione premium è possibile anche ascoltare la propria russata e, oltre a questo, si può accedere a delle statistiche più approfondite nonchè impostare meglio l’app per un monitoraggio più preciso. L’applicazione è disponibile per gli utenti iOs e Android.

app sleep cycle ios
app slepp cycle android


SleepBot – Questa applicazione non dispone della versione a pagamento, quindi tutto quello che l’app offre è a portata di tutti gratuitamente, senza bisogno di abbonamenti o di passaggi alla versione premium. L’app permette di monitorare il riposo, le ore di veglia, quelle di sonno profondo e in più permette di aggiungere delle note per ogni ciclo di sonno registrato. È possibile calibrare la sensibilità del microfono per riuscire a rendere l’app il più efficiente possibile. L’applicazione è disponibile per gli utenti iOs e Android.

app sleepBot per ios
app sleepBot per Android


Sleep Better – App offerta da Runtastic, il funzionamento è praticamente uguale a Sleep Cycle: sveglia intelligente, analisi del sonno, delle ore di veglia e di quelle di sonno profondo. È possibile anche registrare l’umore al risveglio e se si ha sognato o se la notte trascorsa è stata caratterizzata da incubi. Come per l’applicazione precedente anche questa è gratuita, ma prevede un passaggio alla versione premium per usufruire di tutti i vantaggi e per impostare meglio i parametri, il nostro consiglio è quella di provarla e poi decidere se passare alla versione pro o rimanere in quella base. L’applicazione è disponibile per gli utenti iOs e Android.

app sleep better ios
app sleep better android


Sleep Time – Come per le altre applicazioni, anche questa permette di monitorare il ciclo del sonno e di approfittare della sveglia intelligente che riuscirà a dare il buongiorno nel momento meno traumatico! Sleep Time è disponibile in versione standard gratuita e premium a pagamento. L’applicazione è disponibile per gli utenti iOs e Android.

app sleep time ios
app sleep time android


Sleep Tracker – ultima applicazione della lista, e questa volta ci rivolgiamo agli utenti windows phone. L’applicazione monitora il sonno, ha integrata la sveglia intelligente e, cosa che nessuna app di questa lista (almeno nella versione free) ha, dispone di suoni dolci e rilassanti che permetteranno di addormentarsi in totale relax! L’applicazione, come già anticipato, è disponibile gratuitamente per windows phone.

app sleep tracker windows phone


nota: il proprio dispositivo potrebbe non essere compatibile con le app nella lista, prima di installare l’applicazione consigliamo di verificare la compatibilità

Tutte queste applicazioni si somigliano e hanno molti punti in comune, tra cui la possibilità di scaricarle gratuitamente e decidere poi se rimanere nella versione free o se passare a quella a pagamento accedendo ad altri contenuti, il nostro consiglio è quindi quello di provarne una e -se non si è soddisfatti- di passare ad un’altra fin quando non si scova l’app per il riposo migliore! Consigliamo inoltre la lettura di questo nostro articolo dove tra le app da installare per prime su uno smartphone vi sono le app per rilassarsi e sentirsi meglio!

leggere anche: migliori sveglie intelligenti da scaricare su smartphone e tablet

Power Bank “Coca Cola” – La nostra recensione

Una nuova recensione oggi, questa volta al centro dell’attenzione c’è un Power Bank dall’aria un po’ vintage!

Autogrill. Tutto inizia da in Autogrill dove, alla cassa, notiamo un Power Bank “Coca cola” dall’aria un po’ vintage. Prima di procedere con la nostra recensione specifichiamo, siccome esistono tante varianti di Power Bank “Coca Cola”, che NON ci riferiamo a questi:

powerbank-simpatici-coca-cola
PowerBank di cui abbiamo parlato nell’articolo “regali e gadget tecnologici a basso prezzo” (click sull’immagine per aprire l’articolo)

Ma a questo:

Uploaded Picture

 

Prodotto: Power Bank 3600MAH “Coca Cola”

Produttore: ?

Colore scelto: Non esistono veri e propri colori, solo varianti di immagini. Noi abbiamo potuto scegliere tra 3, non sappiamo se ne esistano di più.

Come si presenta: Power Bank piatto, rosso e con stampata nella parte superiore un’immagine che ricorda quelle dei vassoi da bar firmati Coca Cola. Dispone di cavo USB.

Reperibilità: Autogrill e forse qualche altro negozio online che tratta accessori tecnologici

Prezzo: circa 25,00€

pro:
grafica simpatica e vintage

contro:
tempi di ricarica del Power Bank stesso interminabili
troppo delicato
poca autonomia
non ricarica lo smartphone
si surriscalda troppo

Come già anticipato prima, tutto ha inizio in un Autogrill dove alla cassa si presentano questi simpatici Power Bank vintage che sembrano proprio fare al caso nostro. Errore madornale. Questo Power Bank ha dato problemi sin da subito, con i suoi tempi di ricarica interminabili e le sue fattezze un po’ “delicate” …basta sfiorare il cavo e si può dire addio alla ricarica. E questo è uno dei grandi problemi di questo Power Bank, ci si aspetta che un dispositivo del genere venga pensato per essere utilizzato in situazioni dove non si può essere poi così molto delicati, come ad esempio quando si è fuori casa e si mette in carica lo smartphone per poi riporlo in borsa o lasciarlo momentaneamente sul sedile della macchina…con questo Power Bank questo discorso è fantascienza: come si sfiora il cavo/si prende un dosso/si rovista nella borsa il cavetto smette di ricaricare. Forse un problema del loro cavetto? Abbiamo così provato un altro cavo ma anche in questio caso il problema è lo stesso. Questa eccessiva delicatezza compromette molto l’utilità di questo Power Bank che di fondo è una batteria portatile… e se non si può portare in giro la sfida è già persa in partenza.

Secondo grande GRANDISSIMO problema è il fatto che non ricarica, ok forse qualcuno starà pensando “Ma è solo 3600MAH” sì…ma per lo meno qualcosa dovrà pur ricaricare, no? E invece niente, questa batteria non ricarica. Provato su un Samsung S3 neo carica lentissimo solo se non si usa lo smartphone (nemmeno per controllare i messaggi, per intenderci). Con iPhone, esattamente iPhone 6, le cose vanno ancora peggio: ricarica ancor più lentamente e come si prende in mano lo smartphone la batteria diminuisce drasticamente. Lo smartphone è arrivato anche a spegnersi nonostante fosse attaccato al suddetto Power Bank. Un disastro insomma.

Tutti gli altri problemi, in confronto a questi due elencati sopra, pesano meno sull’opinione generale di questa batteria portatile e sono: surriscaldamento eccessivo (il Power Bank arriva a scottare), poca autonomia e, come già anticipato sopra, il tempo di ricarica è interminabile.

Questo prodotto, seppur apprezzabile per la sua aria vintage, viene bocciato completamente.

Webroot SecureAnywhere | Licenza originale a meno di 2 euro

Webroot SecureAnywhere, il famoso e potente antivirus in offerta a meno di 2 euro!

Poprio così, la licenza, valida per un anno, del potente e leggero antivirus di casa Webroot è in offertissima a meno di 2 euro! Come abbiamo parlato in questo articolo, Webroot SecureAnywhere è un antivirus leggero e potente, il prezzo per un anno di licenza è normalmente di 29€ ma noi siamo riusciti a trovarlo in offertissima a meno di 2€!

Come avere un licenza valida un anno per Webroot SecureAnywhere?

Semplicissimo! Basta recarsi qui e procedere con l’acquisto di una o più licenze, che saranno valide ciascuna per un computer (Windows o Mac) e avranno una durata di un anno! Semplice no?! Allora non c’è tempo da perdere!! Un minimo investimento per mettere il computer in una botte di ferro!

Otterbox | Cover Simmetry – La nostra recensione

Questa cover ha salvato un iPhone dall’ennesima caduta!

Finalmente abbiamo avuto modo di provare una cover Otterbox, da sempre incuriositi e da sempre attratti dal marchio, solo di recente siamo riusciti ad aggiudicarci una delle loro cover approfittando di uno stand ben fornito al Mediaworld. Quale scegliere? davanti a così tanta scelta la decisione era davvero difficile…e così alla fine abbiamo deciso per una cover della serie Symmetry. 

Prodotto: Cover Serie Symmetry per iPhone 6

Produttore: Otterbox

Colore scelto: glacier rose

Come si presenta: La cover è rosa con inserti più scuri. A dispetto dell’esterno che appare “solido” (esclusi i tasti del volume e lo spazio per i connettori) l’interno è invece realizzato di un materiale mordibo pronto ad accogliere il device tenendolo al sicuro e ben in posizione, attutendo gli impatti. In più lo speciale rivestimento interno preserva il device da graffi e danni dovuti all’usura. Il bordo rialzato nella parte frontale protegge lo schermo.

Reperibilità: Unieuro, Mediaworld (dove l’abbiamo acquistata noi) e sul sito ufficiale Otterbox

Prezzo: 34,99€

pro:
impermeabile
test resistenza alle cadute superato!
protezione dalla polvere
struttura solida e resistente
antiscivolo
nonostante la grande protezione, lo spessore rimane contenuto

contro:
non abbiamo contro da far presente

Tempo fa eravamo alla ricerca di una cover molto resistente e di conseguenza, cercando nella rete, ci siamo imbattuti nel marchio Otterbox che ci ha subito stupiti per la compattezza e praticità delle sue custodie. Ovviamente per poter capire meglio dovevamo acquistare qualche prodotto…ma quale? girando un po’ per il sito la decisione è ricaduta sulla serie Symmetry. Decisi ormai a prendere una Symmetry per iPhone 6, partiamo e ci dirigiamo in un Unieuro…che però non ne era fornito. La nostra ricerca si interrompe momentaneamente in attesa di fare un ordine online, aspettando magari qualche promo….fino a quando un giorno, mentre eravamo alla ricerca di un computer, ci rechiamo in un Mediaworld e questa volta ci imbattiamo in uno stand Otterbox molto ben fornito. 

Finalmente, trovato la stand, cerchiamo una Symmetry…e la troviamo! Ma non nel colore “glacier” (come avevamo intenzione di prenderla) ma bensì solo in “rose”. E rose sia.

Symmetry Series Custodia per iPhone 6
Custodia Symmetry Otterbox – immagine presa dal sito ufficiale

Ma passiamo a parlare più nel dettaglio della cover. Otterbox dice di questa cover:

“Custodia elegante e sottile”

Otterbox si limita a definire elegante e sottile questa cover…ed è proprio tutto quello che c’è da sapere su questa cover! Infatti questa cover è perfettamente robusta e sicura, ma al tempo stesso non compromette troppo l’eleganza del device. Vogliamo infatti precisare come questa cover sia realizzata in maniera minuziosa e curata. Piccole attenzioni che fanno la differenza: il logo dell’azienda impresso sia esternamente che internamente, bordi ben definiti e qualità dei materiali piacevole al tatto. Tutto questo dimostra che una cover sicura e robusta può essere anche di gran classe.

Quindi se si cerca una cover robusta, non troppo spessa o ingrombrante, questa cover fa al caso vostro.

Questa cover è in uso da circa 2 mesi…e sinceramente l’idea di farne una recensione non c’era passata neanche per la testa…fino a quando abbiamo potuto disgraziatamente constatare l’efficienza della cover: l’iPhone 6 è caduto. e no, niente graffi ne segni di collisione.

Cosa che una cover diversa in una caduta molto simile e dalla stessa altezza non era riuscita ed evitare. Di seguito una foto del segno lasciato da una caduta sull’iPhone 6 con ausilio di una cover NON Otterbox. 

iphone-6-caduta-cover
il segno non è molto visibile a causa del fatto che si trova proprio nella parte “arrotondata” del bordo

Ok, non è un grande segno però bisogna tener presente che il telefono era protetto da una cover di quelle di fascia media (15€) non una Otterbox. Tutto questo per far capire che una cover NON vale l’altra.

Ovviamente il prezzo non è paragonabile ad altre cover ma bisogna porsi una domanda fondamentale: Quanto voglio investire per salvaguardare il mio smartphone dall’ usura e dalle cadute? Con un piccolo investimento potreste non aver bisogno di nessun altra cover e al tempo stesso avere uno smartphone super protetto!

Concludiamo questa recensione indicando il sito ufficiale e l’esatto link per acquistare Otterbox Symmetry.