il web senza paroloni

invisiblerecaptcha

Google | Arrivano i nuovi recaptcha invisibili

in News by

I captcha servono per dimostrare di essere una persona reale e non un robot, Google reinventa il sistema e si prepara all’uso dei re-captcha invisibili.

I CAPTCHA sono a prova di robot…ma molte volte anche per l’essere umano sono un’impresa! scritte distorte, sgranate o troppo schiacciate mettono a dura prova la vista umana nonchè la pazienza!

A cosa sevono i CAPTCHA? I captcha servono a dimostrare di essere una persona reale e non un robot, vengono sottoposti all’utente nel momento in cui si sta inviando un modulo online, possono essere composti da numeri o lettere (maiuscole e minuscole) ai quali vengono applicati dei filtri per rendere il codice a prova di bot.

captcha
esempio di un captcha

Successivamente ai vecchi e fastidiosi CAPTCHA arrivarono i ReCAPTCHA (sotto una gif che rappresenta la categoria) dove tramite un semplice click si poteva affermare la propria reale esistenza. Ma ora, a prendere il posto di queste “vecchie” tecnologie arriva l’invisible ReCAPTCHA.

recaptcha
esempio di recaptcha

Questa nuova tecnologia non è ancora stata annunciata ufficialmente da parte di Google, anche se è stato messo a disposizione un sito che ne anticipa l’arrivo.

invisibile? incredibile!

Queste sono le parole che si presenteranno a chiunque si rechi sul sito dedicato a questa nuova tecnologia, ma queste parole sono accompagnate da un’immagine altrettanto significativa:

Uploaded Picture

La nuova tecnologia a prova di robot sarà silenziosa, discreta e invisibile proprio come il simpatico gatto che si cela dietro alla tenda.

Sempre sulla pagina dedicata all’invisible ReCAPTCHA è possibile, tramite un form, effettuare la richiesta per integrare questo tipo di tecnologia sul proprio sito. 

Come funziona l’invisible ReCAPTCHA? Non si sa molto su come questa nuova tecnologia lavorerà, per certo si è solo a conoscenza del fatto che si baserà su algoritmi avanzati spinti da un’intelligenza artificiale e, come spiega Google, da “un’analisi avanzata del rischio che si adatta a minacce nuove ed emergenti”.

Se ti è piaciuto questo articolo, sostieni SCUBIDU mettendo like alla nostra pagina Facebook, seguendoci su Twitter e su YouTube! Inoltre puoi seguire il nostro Feed Rss per sapere sempre le ultime news!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from News

Go to Top